Principe George, battesimo low cost per l'erede al trono

Il primo figlio di William e Kate è stato battezzato nella Chapel Royal di St James's Palace

Barbara Pepi

-
 

Alle 15.00 di questo pomeriggio il Principe George Louis Alexander è stato battezzato. Una cerimonia privatissima per 60 selezionati ospiti che hanno celebrato il primo sacramento del piccolo principe. George indossava il tradizionale abito color crema copia della veste battesimale in pizzo e raso, realizzata per la figlia maggiore della regina Vittoria, nel 1841. Il vestitino era in perfetta nuances con quelle della madre Kate, elegantissima.

La Regina, di azzurro vestita, era presente al battesimo del suo primo nipote. Il rito è stato celebrato dall'arcivescovo di Canterbury, nella Chapel Royal di St James's Palace (la stessa che aveva accolto le spoglie di Lady Diana). 

George è stato battezzato con l'acqua del Giordano versata nella vasca d'argento decorata con nifee.

 I duchi di Cambridge hanno, ancora una volta, infranto la tradizione visto che di solito il rito è sempre stato celebrato a Buckingham Palace. Lontani nell'etichetta anche nello scegliere i padrini del loro primogenito, terzo in linea di successione erede al trono britannico (dopo Carlo e William).

I padrini e le madrine sono stati sette e, come da indiscrezioni, non erano Harry e Pippa, i fratelli dei genitori, ma più che altro amici di famiglia e non di sangue blu.

In particolare a tenere a battesimo George sono stati due compagni di scuola e università dei duchi di Cambridge, Emilia Jardine-Paterson che con Kate ha frequentato il Marlborough College e Oliver Baker che ha frequentato l'università di St. Andrews con il duca di Cambridge. Unica eccezione Zara Tindall, ovvero Zara Phillips, cugina di William e quindi membro della famiglia reale.

Una rottura con la tradizione, che fino ad oggi ha sempre voluto che i padrini di un membro della famiglia reale, tanto più se si tratta di un erede al trono, fossero a loro volta principi o re.

William nel 1982 era stato battezzato accanto a una sfilza di padrini e madrine esclusivamente royal: il re Costantino di Grecia appunto, la principessa Alexandra, lady Ogilvy, la duchessa di Wesminster, lady Susan Hussey, lord Romsey e sir Laurens Van Der Post. Nomi che il principe Carlo, lady Diana e la regina Elisabetta II si erano premurati di selezionare con cura tra una sfilza di candidati di sangue blu.

Nonostante il riserbo alcuni dettagli sono trapelati e parlano di una cerimonia decisamente low cost. Pare infatti che la torta che è stata servita fosse la stessa delle nozze di Will e Kate previdentemente congelata e riciclata per l'occasione. 

Tra gli invitati non c'erano la principessa reale Anna e la contessa del Wessex, non perchè escluse ma per precedenti impegni istituzionali: le due aristocratiche erano impegnate altrove, una in Canada e l'altra da qualche parte nell'Ovest del Regno Unito.

Nonostante il piccolo principe non sia al 100% di sangue blu può vantare di essere il più ricco monarca del mondo se si segue la lista di Forbes, con una fortuna di 60 miliardi di sterline.

In omaggio al terzo in linea di successione erede al trono britannico (dopo Carlo e William) la Zecca di Stato conierà monete pregiate in argento e oro, per un valore molto variabile che va dalle 13 sterline per la più economica a quella che contiene un chilogrammo d'oro e costa 50 mila sterline.
 

© Riproduzione Riservata

Commenti