Kristen Stewart: "Non mi vendo ai paparazzi"

L'attrice spiega il perché della sua espressione sempre imbronciata

Kristen Steward – Credits: Gettyimages

Barbara Pepi

-

A guardarla non è certo mai stata l'immagine della gioia. Kristen Stewart nonostante sia bella, giovane, ricca e famosa appare sempre accigliata, scomposta, malmostosa e per lo più irritata dalla presenza di fotografi e fans.

Ma tutti coloro che abbiano pensato che l'attrice con i suoi modi fosse solo una giovane star viziata si erano sbagliati. In realtà dietro al "male di vivere" della vampira più famosa del grande schermo c'è una precisa scelta poetica spiegata dalla stessa KStew durante un'intervista a Elle America. "Sento - ha spiegato Kristen - che se ora cominciassi a sorridere per i paparazzi - ovviamente è un'ipotesi, non lo farei mai! - sarebbe esattamente ciò che la gente inizierebbe a contestarmi. Le persone direbbero: 'Hai smesso di essere te stessa, ti sei venduta!'".

Il "vendersi" allo showbiz è inimmaginabile per l'attrice che, nonostante la fama a livello mondiale vampirizzata grazie a Twilight, non ha mai pensato a se stessa e al suo lavoro come ad una "merce" sul piatto dell'entertainment. "Non mi sono mai seduta per stabilire come avrei dovuto procedere lavorativamente da quel momento in avanti - ha detto - Appena cominci a pensare alla tua carriera come ad una traiettoria, non stai più facendo l'attrice per te stessa, lo stai facendo per il pubblico. Praticamente, ti trasformi in una busta di patatine".

Guai a chi la ritenga un'ingrata nei confronti della vita o che pensi che non si meriti i milioni di euro guadagnati sommando broncio a broncio. Quello che le è capitato in questi anni l'ha stupita e colta impreparata tanto che quando è cominciata l'avventura il suo primo pensiero è stato: "Il giorno in cui il film uscì, c'era una mia foto sul New York Post o qualcosa del genere. Ero seduta sulla veranda di casa mia insieme al mio ex ragazzo e al mio cane. Ricordo di aver pensato: 'Oh m....a, avrei dovuto aspettarmelo!'"

© Riproduzione Riservata

Commenti