Justin Bieber: i residenti di Atlanta non lo vogliono

Un comitato di quartiere è sceso in piazza per opporsi al trasferimento della popstar in città

Justin Bieber – Credits: Gettyimages

Barbara Pepi

-

Tutti, ma non Justin Bieber. Pare che in un grazioso quartiere residenziale di Atlanta non si parli d'altro: la pop star avrebbe messo gli occhi su una villa da 11 milioni di euro nella zona e sarebbe in procinto di firmare un generoso assegno. Ammesso, però, che il comitato di quartiere glielo permetta. Sembra, infatti, che in 136 residenti abbiano preso parte ad una fiaccolata per dire no al trasferimento di Bieber ad Atlanta.

"Come comunità - hanno fatto sapere - abbiamo lavorato duro per raggiungere i nostri obiettivi e arrivare dove siamo. Il trasferimento di Justin Bieber qui non sarebbe altro che negativo per i nostri figli e la nostra comunità. Non possiamo consentire a un ragazzino di rovinare quello che abbiamo e per cui abbiamo lavorato duro".

In effetti la star diciannovenne negli ultimi mesi ha passato più tempo su magazine di gossip che su quelli di musica e si parla di lui più che per la musica per le continue intemperanze che vanno dalla marijuana fumata in aereo , alle risse , alle uova lanciate verso le finestre altrui per arrivare all'arresto di qualche settimana fa a Miami per le corse clandestine in auto.

I suoi capelli biondi e il visino d'angelo, dunque, non sono graditi in un rispettabile e opulento angolo di Atlanta dove le famiglie dell'alta borghesia a stelle e strisce sono preoccupate per l'effetto dirompente che probabilmente il cantante avrebbe sull'equilibrio psichico delle loro figlie al college che potrebbero essere attratte dalla spirale negativa dentro la quale Justin pare che si stia facendo avvolgere.

© Riproduzione Riservata

Commenti