Efe Bal cerca lavoro e compra una pagina del Corriere della Sera

La nota trans sceglie l'edizione milanese del quotidiano per pubblicare un particolare annuncio

Efe Bal – Credits: Foto da video

Barbara Pepi

-

C'è chi stampa decine di copie di curricula e gira per la città con le gambe in spalle, chi si affida al web, chi allo Spirito Santo e chi, come Efe Bal compra mezza pagina del Corriere della Sera per cercare lavoro. La trans più famosa - e pagata - d'Italia parrebbe essere nuovamente nei guai con i soldi. Poco più di un anno fa aveva pubblicato, per Mondadori, il libro "Efe. Quello che i mariti non dicono". Sottotitolo: "Confessioni di una trans".

Nel testo parlava degli inizi difficili, ma anche del successo, dei soldi, dei duecentomila contatti in Rete al mese, dei tre siti tutti suoi, delle  tournée a Parigi, a Londra, a Roma, e degli speciali tv dedicati alla sua persona.

E' passato poco più di un anno da quando, proprio per far pubblicità alle sue "confessioni", aveva acquistato una pagina del Corriere della Sera.

Oggi Efe torna sul CorSera, ma la mezza pagina da lei comprata, serve ad aiutarla a trovare lavoro. Sul quotidiano si legge una sorta in inserzione di AAA offresi: "Da dove dovrei cominciare non lo so, sarà difficile. Sono nata a Istanbul e da tanti anni vivo a milano. Grazie ad uno scandalo in cui non c'entravo nulla, oggi posso dire di essere diventata una persona molto nota. Diverse sono le mie apparizioni sui giornali, così come in tv dove ho anche condotto programmi televisivi per un breve periodo. Nel libro che ho ho scritto racconto la mia storia. Nonostante non vado fiera della mia vita, mi sono guadagnata la gratitudine e il rispetto della gente comune. A questa riconoscenza, per rendere felice mia mamma e soprattutto per poter pagare le tasse, sto cercando un lavoro".

Il tema delle tasse, del resto, è uno dei più cari a Efe Bal che ha sempre sostenuto il suo diritto ad esercitare la professione spiegando che, dai suoi guadagni a sei zeri, anche i conti dell'erario avrebbero tratto guadagno, se solo le fosse stato permessi di pagare le tasse (e in questo modo pagarsi la pensione)

Su Twitter, oggi, Efe, si rivolge direttamente (e non è la prima volta) al Direttore De Bortoli chiedendogli visibilità. "Buongiorno Direttore - twitta Efe -  Ha visto la pubblicità sul suo giornale? Quando pensa di dedicarmi un articolo?" E ancora, sempre al direttore del Corriere lo scorso sei novembre cinguettava: "Cerco lavoro...Mi assumi?... Che ne pensa di questo slogan?"

© Riproduzione Riservata

Commenti