Johnny Depp a Venezia ha stigmatizzato con una battuta il destino dei suoi cani Pistol e Boo. "I miei cani? - ha detto - me li sono mangiati su ordine del governo australiano". In realtà la vicenda non è di così "facile" soluzione. Adesso a finire nel guai è anche la Signora Depp che rischia fino a 10 anni di carcere per aver falsificato i documenti dei due Yorkshire allo scopo di introdurli in maniera illegale in Australia dove Johnny era impegnato nelle riprese del quinto episodio della saga dei Pirati dei Caraibi

Ad incriminarla è stata la corte di Queensland. L'attrice non era presente all'udienza che è stata rimandata al due novembre.

Tutto è iniziato quanto i due cagnolini sono stati portati da un tosacani e la titolare del salone di bellezza per animali ha condiviso su Facebook la foto di Pistol e Boo in braccio a Johnny. In qualche maniera l'immagine è arrivata al Ministero dell'Agricoltura australiano che ha fatto partire le procedure mettendo nei guai la coppia hollywoodiana. A quanto pare non è bastata la multa per sedara la furia delle autorità che paiono decise ad andare fino in fondo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti