Gli amici si scelgono (anche) grazie alla grammatica
Thinkstock.it
Gli amici si scelgono (anche) grazie alla grammatica
Società

Gli amici si scelgono (anche) grazie alla grammatica

Esiste un nesso tra linguistica e personalità. Più si conosce la lingua meno si è aperti verso gli errori altrui

E' possibile giudicare una persona dal suo livello linguistico? Dimostrarsi più o meno aperti e disponibili verso il prossimo a seconda della quantità di errori che vengono commessi scrivendo o parlando? La risposta è sì. Per lo meno è così per chi la propria lingua madre la conosce, la rispetta e la ama.

Le nuove prospettive del rapporto tra lingua e personalità sono state studiate da un gruppo di linguisti americani che ha sottoposto un centinaio di volontari a un test unico nel suo genere; lo studio è poi stato pubblicato su Plos One.

I professori Julie E. Boland, del dipartimento di Sociologia, e Robin Queen, del dipartimento di Linguistica, dell'Università del Michigan hanno inviato una mail a 83 persone nella quale si leggeva: "Grazie per la partecipazione. Ti faremo delle domande personali come età e sesso, sulle tue abitudini (quanto leggi? Quanto scrivi?) e su che tipo di persona sei. Devi rispondere sinceramente a tutte queste domande. Alcuni di voi potrebbero non trovarsi a proprio agio, in questo caso potete non partecipare allo studio. Potete decidere di non sottoporvi al test già da ora o durante gli step successivi. Nella seconda parte vi chiederemo di immaginare di essere uno studente al college che sta cercando un coinquilino. Riceverete 12 e-mail di candidati. Dopo aver letto ogni e-mail vi chiederemo di valutarli"

Le mail inviate per la ricerca degli inquilini erano di tre tipi: alcune corrette, altre con errori di grammatica e altre ancora con errori di battitura. Le reazioni alle lettere sono state più o meno costanti.

Più il livello culturale del destinatario della mail era elevato e la sua coscienza linguistico grammaticale sviluppata più l'aspirante inquilino ignorante veniva escluso dalla rosa dei papabili e vissuto in maniera negativa con una conseguente chiusura relazionale nei suoi confronti.

Le persone meno introverse, forse meno colte, ma più aperte e socievoli non nutrivano lo stesso astio nei confronti dell'errore che spesso non veniva neppure percepito.

Questo, però, non implica il fatto che i più istruiti siano i più chiusi e antipatici quanto piuttosto evidenzia una naturale disposizione d'animo a tutelare il sapere di fronte alla deriva moderna del linguaggio.

Era la prima volta che venivano studiati i nessi tra linguistica e personalità e nessuno, fino a ora, aveva analizzato quanto possa apparire stridente alle orecchie di una persona con un livello linguistico mediamente alto l'errore di grammatica.

Il linguaggio è vero che si evolve ed è vero che internet e i social network hanno impoverito prosa e sintassi, ma esistono ancora parecchi Don Chisciotte della lingua che tengono alto il baluardo della correttezza grammaticale.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti