Francesca Pascale: "E io lo sposerò"

La fidanzata di Silvio Berlusconi per la prima volta su Vanity Fair racconta la sua vita e quella della sua storia d'amore con l'ex premier 

La copertina di Vanity Fair con Silvio Berlusconi e Francesca Pascale. Nel nuovo numero in edicola Pascale racconta in una intervista la storia del suo fidanzamento con il leader del centrodestra, 77 anni il 29 settembre 2013. ANSA

La scintilla, il corteggiamento. I no, poi il tanto atteso si. Ingredienti, fasi, di una storia d'amore come tante altre (se non "tutte" le altre). Ma la loro non può essere una storia normale, non fosse altro per i nomi che portano. Lui, Silvio Berlusconi; lei, Francesca Pascale.

Ammirata, presa in giro, invidiata, purtroppo anche odiata. Tutti parlano di Francesca Pascale, 28 anni, campana, ma in quanti la conoscono davvero? Soprattutto, quanti conoscono la storia del suo amore? Praticamente nessuno, fino a ieri.

Francesca ha deciso di raccontarsi a Vanity Fair (non una testata di famiglia, proprio per non passare per quella che parla solo con i giornalisti "amici"), in un'intervista esclusiva con tanto di foto scattate all'interno di Villa Certosa, ad Arcore.

Dagli inizi ("Sono cresciuta con Berlusconi nel dna... I miei sono tra i milioni che votano Berlusconi dal '94 perché, ancora prima che scendesse in campo, lo ammiravano come imprenditore"), ai primi passi in politica, con Forza Italia a livello locale, fino all'incontro il 5 ottobre del 2006:

"Quando me lo sono trovato davanti ho saputo solo dire - Presidente, quanto è bello lei - Lo so che sembra patetico ed un po' me ne vergogno, ma era un'emozione vera, sincera".

Il racconto prosegue, con la prima telefonata, l'arrivo e l'addio al Parlamento ("Mi dispiace per chi mi ha votato ma tenere l'incarico senza potermici dedicare con la serietà che richiede, sarebbe stato peggio") fino alla dichiarazione d'amore ed al suo "...non se ne parla neppure. Sei troppo giovane. Non posso darti il futuro che meriti".

Un no che non serve a nulla, per l'uno e per l'altro. Una storia d'amore come tante, una ragazza come tante sempre a fianco del suo uomo anche in questo periodo di turbolenza politica e giudiziaria.

Continueranno a giudicarla, ad invidiarla, ad odiarla, ad ammirarla. Una cosa è certa. Niente di tutto questo riuscirà a fermarla.

© Riproduzione Riservata

Commenti