Fiorello chiama la vittima dell'incidente: "Ti chiedo perdono"
Ansa
Fiorello chiama la vittima dell'incidente: "Ti chiedo perdono"
Società

Fiorello chiama la vittima dell'incidente: "Ti chiedo perdono"

Lo showman e il pensionato sono entrambi ancora ricoverati. Venerdì, forse, l'incontro

"Pronto Mario? Non riattaccare ti prego, ti chiedo infinitamente perdono per quello che ti ho fatto. Vorrei chiederti scusa di persona: venerdì mi farebbe piacere venire a trovarti. Posso o mi tiri una scarpa?"

Non ricorda cosa sia avvenuto esattamente al momento dell'incidente, ma Fiorello sa di avere sbagliato e di aver rischiato di uccidere Mario Bartolozzi, ex amministratore delegato di Ina Assitalia ora in pensione, nonno di due nipoti e vittima dell'incidente che lunedì ha mandato in ospedale lui e il conduttore tv.

Lo showman siciliano è ancora ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma, mentre l'uomo ha chiesto di essere trasferito alla clinica Villa Stuart. Nel pomeriggio di ieri Fiorello ha voluto chiamare di persona Bertolozzi e gli ha richiesto un incontro privato per chiedergli perdono. "Certo che puoi venire - ha risposto il pensionato - ti perdono, anche se la sofferenza è tanta".

Dopo l'incidente i due sono stati ricoverati nella stessa stanza in terapia intensiva e, mentre Fiorello subiva venti punti di sutura e faceva i conti con un complesso trauma cranico Bertolozzi, colpevole solo di aver attraversato sulle strisce pedonali, riportava la frattura di una spalla, del bacino e una frattura bilaterale di tibia e perone. La figlia dell'uomo quando ha visto il padre così ridotto si è sentita male ed è svenuta e, oggi, ha un grosso ematoma sul volto a causa della caduta. "Giovedì dovrò subire la prima operazione alla spalla" ha raccontato al Messaggero il signor Mario. 

Fiorello dal canto suo è più preoccupato per il pensionato che per se stesso come ha detto il dottor Giorgio Meneschincheri, responsabile del Pronto Soccorso del Policlinico al Messaggero: "Non mangia ancora, è molto sofferente, riesce a parlare poco, ha forti dolori alla mascella. Ha pianto, è addolorato per quello che ha fatto e preoccupatissimo per il pensionato".

Accanto a Rosario ci sono la moglie Susanna e il fratello Beppe che, alla stampa, ha detto: "Ha un trauma cranico fortissimo e complesso, fa fatica a parlare, è molto dolorante, non è una situazione semplice".

Venerdì, intanto, se le condizioni di entrambi lo permetteranno, ci sarà l'incontro con Bertolozzi che, dal canto suo, ha detto: "Nessun rancore, non voglio speculare".

Ti potrebbe piacere anche

I più letti