Erasmus, boom di viaggi extra UE
Thinkstock.it
Erasmus, boom di viaggi extra UE
Società

Erasmus, boom di viaggi extra UE

Bilancio più che positivo del primo anno fuori dall'Europa per gli studenti viaggiatori

Dal 1987 a oggi il progetto Erasmus è stato il sogno di buona parte degli studenti europei. Un anno all'estero a studiare, a vivere esperienze nuove, a imparare e a crescere più di quanto non si faccia nella scuola tradizionale. Da un anno a questa parte il tradizionale Erasmus ha messo le ali ai piedi ed è uscito dall'Europa con un bilancio più che positivo. A tirare le somme è stata Erasmus+Indire.

Nell'anno accademico 2015-2016, sono state 2.489 le persone che hanno aderito al progetto, sulle 8.983 richieste di mobilità.

1.210 i ragazzi in arrivo e 458 quelli diretti fuori dall'Europa. Al loro fianco anche i docenti: 320 in ingresso e 277 in partenza.

La maggior parte delle partenze per studio ha interessato i paesi del Mediterraneo, poi quelli dei Balcani occidentali e del partenariato orientale, tra cui Armenia, Bielorussia e Georgia 

In Italia, le università che ricevono il maggior numero di richieste da parte degli studenti stranieri sono innanzitutto La Sapienza di Roma, a cui fanno seguito l'Università degli studi di Milano, l'Alma Mater di Bologna, l'università di Padova e il Politecnico di Torino.

Mentre le università italiane in cui c'è il maggior numero di richieste per partire e raggiungere atenei extra Ue sono l'Alma Mater, la Cà Foscari di Venezia, l'Università della Tuscia, il Politecnico di Milano e l'Università di Parma.

Il progetto, ora, è in forte espansione: per il secondo anno, il 2016-17, saranno infatti 1.986 i ragazzi che arriveranno dai paesi fuori dall'Europa e 1.116 quelli che partiranno. Il budget riservato all'Italia sarà quindi incrementato del 13%, anche per offrire maggiori opportunità in vista dell'apertura ai paesi dell'area africana, caraibica e pacifica.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti