Ducati Scrambler Café Racer, sportiva e modaiola
Ducati Scrambler Café Racer, sportiva e modaiola
Società

Ducati Scrambler Café Racer, sportiva e modaiola

La declinazione Café Racer del best seller del marchio unisce lo stile vintage con la qualità e le performance tipiche del marchio di Borgo Panigale

In un'epoca in cui siamo (più o meno consapevolmente) vittime e artefici di un processo tecnologico che sta cambiando le nostre vite, ci ritroviamo sempre più spesso a rivalutare e reinterpretare mode, stili e design del passato. Sta accadendo anche con le due ruote. Tant'è che, un po' alla volta, le Case motociclistiche stanno tirando fuori almeno un modello che si ispiri alle vecchie e fascinose Café Racer.

Parliamo di mezzi tecnicamente moderni ma che, nell'estetica, richiamano e moto che negli anni '60/'70 sfrecciavano per strada, impegnate in gare di accelerazione, prima di ritrovarsi fuori ai caffè londinesi; l'Ace Cafe è sicuramente tra i più celebri. Erano, insomma, i tempi in cui i famosi Rockers – appassionati di due ruote e musica Rock – trasformavano esemplari stradali in “prototipi” da corsa, completi di accessori e appendici aerodinamiche provenienti da moto che invece le gare le facevano sul serio, in pista, legalmente.

Vecchie e nuove generazioni
Oggi questo segmento è in forte ascesa, perché piace ai vecchi motociclisti nostalgici ma anche alla nuova generazione di biker, più attenta alla moda e al lifestyle che alle performance.

Così Ducati lancia sul mercato la declinazione Café Racer dello Scrambler, best seller del Marchio che dalla nascita (2015) a oggi ha letteralmente trainato l'azienda di Borgo Panigale verso un successo senza precedenti: oltre 55.000 moto vendute nel 2016 a livello mondiale.

È sportivo, aggressivo, accattivante, ma anche molto facile e godibile: monta un bicilindrico da 803 cc da 75 CV ricco di coppia ai bassi e ai medi regimi. È adatto sia ai motociclisti esperti che ai neofiti. I suoi elementi distintivi sono senza dubbio i semimanubri con gli specchietti all'estremità, la tabella portanumero, la sella con l'unghia “monoposto” (removibile) e il piccolo cupolino, oltre a una serie di accorgimenti tecnici che ne esaltano la vocazione racing. Costa 10.950 euro ed è ampiamente personalizzabile (c'è anche una linea di abbigliamento/accessori dedicata). È una moto modaiola, è vero, ma è una Ducati in tutto e per tutto.


Ufficio Stampa Ducati
Le ruote sono in lega leggera da 17'' e montano pneumatici da 180/55 dietro e 120/70 davanti
Ti potrebbe piacere anche

I più letti