Dopo il "Caffè sospeso" arriva il "Pane in attesa"
Facebook
Dopo il "Caffè sospeso" arriva il "Pane in attesa"
Società

Dopo il "Caffè sospeso" arriva il "Pane in attesa"

E' un'iniziativa di solidarietà che prevede di offrire del denaro per acquistare pane da donare ai bisognosi

Sassari, Messina, Lecce: inizia a diffondersi, soprattutto al sud, l'iniziativa del "Pane in attesa" un gesto di solidarietà piccolo, ma concreto per i più bisognosi. Su modello del napoletano "Caffè sospeso " (offrire un caffè al bar ad uno sconosciuto che non può permetterselo) è nata l'idea di andare in panetteria, comprare pagnotte e sfilatini e lasciare un'offerta al panettiere che viene tradotta in pane fresco per i meno abbienti.

Funzione così: su coordinamento di alcune associazioni che si occupano dei poveri è stato chiesto ai panifici (al momento sono pochi ad aver detto sì) di aderire al progetto di "Pane in attesa". I negozi che hanno accettato hanno la possibilità di invitare la clientela a lasciare delle monete in una cassettina ad hoc. I soldi si trasformavano in sacchetti di carta da 5 panini per uno disposti sul bancone a disposizione dei bisognosi segnalati dalle associazioni di volontari.

Partita da Sassari lo scorso 20 marzo l'iniziativa è arrivata ad aprile a Messina e, sponsorizzata dall'amministrazione comunale, anche a Lecce con la speranza che si possa diffondere in tutta Italia. "Per alcuni anche comprare un chilo di pane è un problema - fanno sapere da Messina - e con un gesto semplice si può dare una mano a chi ha di meno". 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti