Dopo i selfie, impazzano i Cheeky Esploits
Instagram/cheekyexploits
Dopo i selfie, impazzano i Cheeky Esploits
Società

Dopo i selfie, impazzano i Cheeky Esploits

La nuova moda social che sta spopolando sul web consiste nel farsi fotografare di spalle davanti a un paesaggio con il lato B nudo

Niente più (o non solo) selfie, più o meno sexy e ammiccanti: la nuova frontiera degli scatti social passa dal lato B, ma non si limita ad un belfie. Si chiama infatti cheeky expoit, o meglio cheeky exploits, e consiste nel postare sui social, da Instagram a Facebook (che ha tanto di pagina dedicata e ampia carrellata di esempi) delle foto di paesaggi più o meno suggestivi e incantevoli, ma dove a lasciare mozzafiato è il derrière dei soggetti, che fa bella mostra di sé, nudo.

A ciascuno il suo cheeky esploit
C'è così chi sceglie come sfondo i monti, chi il mare con scorsi a picco sulle rocce, chi invece si "accontenta" di una strada deserta. Tra i più temerari c'è chi ha provato a scalare, con ramponi e picozze, una parete ghiacciata, osando sì, ma nel farlo con il proprio sedere al vento. Ci sono poi gli scatti di gruppo e quelli solitari o molto polemici, come quelli della modella Jaylene Cook che, se non è stata la prima, di certo ha reso più noto questo nuovo fenomeno trendy con la sua provocazione, per nulla gradita ai Maori. La procace 25enne, già coniglietta di Playboy, infatti, è arrivata fino in cima al vulcano Taranaki, considerato sacro dalla popolazione indigena della Nuova Zelanda, per farsi proprio qualche cheeky exploits. I Maori non l'hanno presa bene e hanno fatto le proprie rimostranze, con l'effetto, però, di amplificare ancora di più la nuova moda, che nel giro di pochi giorni ha conquistato sempre più "adepti".

Ovunque e per chiunque
Quel che è certo è che la nuova moda non risparmia proprio nessuno: uomini o donne, fisici curvy o lati B tatuati, coppie o single, per tutti ci sono cheeky esploits adatti, da scattare in casa o sul balcone, nel pieno del deserto o in città, in ogni angolo del pianeta, da New York al Turkmenistan.

Instagram/cheekyexploits
Si moltiplicano i cheeky exploit in rete, su pagine Facebook o su Instagram
Ti potrebbe piacere anche

I più letti