Donne formose, belle e intelligenti

Uno studio californiano rivela: la bellezza curvy è quella di donne dal quoziente intellettivo molto elevato... Questione di grassi (sani)

Kelly Brook

Kelly Brook. La modella è considerata una delle icone del fascino curvy (Credits: Olycom)

Barbara Pepi

-

Grasso (non solo) è bello, ma è anche intelligente. La rivincita della donna formosa sulla perfezione slim tanto in voga nell'ultimo ventennio (già una taglia 42 è considerata abbondante) passa anche dal quoziente intellettivo.

LA TESI - Non che ci volessero gli studiosi dell'Università di Pittsburgh e Santa Barbara in California per dichiarare che ha più sale in zucca chi preferisce un salutare piatto di pasta ad un'insalata scondita ma, da quanto emerso dall'analisi degli scienziati su un campione di 16mila donne, pare che quelle più in carne siano decisamente più intelligenti delle altre e addirittura partoriscano figli con un Q.I maggiore.

CENTIMETRO ALLA MANO - La questione starebbe in questi termini: coloro cha avevano un maggior distacco tra la misura dei fianchi e quella della vita avevano raggiunto punteggi molto più alti nei test d’intelligenza. Il rapporto ideale tra la circonferenza dei fianchi e quella della vita è compreso tra 0,6 e 0,7. Quindi la vita dovrebbe essere necessariamente più stretta dei fianchi ma più i fianchi sono larghi più il cervello è sviluppato.

QUESTIONE DI OMEGA3 - La ricerca verrà pubblicata sul prossimo numero della rivista "Evolution and human behaviour ". Secondo gli scienziati alla base del fenomeno ci sarebbe una maggiore produzione di Omega3 (gli acidi grassi che rivestono il grasso situato sui fianchi e le cosce femminili) da parte delle donne curvy. Per questo oltre ad essere più intelligenti partorirebbero figli con maggiori attitudini intellettive. Queste sostanze avrebbero, infatti,  un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello dei figli durante la gravidanza.

ALLA FACCIA DELLA TAGLIA 38 - Al contrario donne secche secche e dal fisico minuto avrebbero bambini con risultati meno brillanti ai test d'intelligenza. Se a questi dati si aggiunge quello secondo il quale le donne mordide sarebbero sempre più apprezzate dagli uomini (su un campione di maschi fra i 25 e i 50 anni, il 45 per cento degli intervistati gradirebbe andare con una ragazza un pò più in carne. Mentre il 31 per cento degli uomini le considera seducenti) la rivincita della bellezza mediterranea sembra essere scontata sul modello nordico di donne snelle (e inarrivabili).

© Riproduzione Riservata

Commenti