Thinkstock.it
Società

Dating online, le parole da non usare

Per chi cerca l'anima gemella in rete, ecco cosa non scrivere

I segreti del linguaggio digitale Thinkstock.it

Chi ha già provato a cimentarsi con il dating online lo sa: non esiste un dizionario che indichi l'esatto significato delle parole che vengono usate per cercare l'anima gemella in rete. Eppure, a furia di tentativi, ecco che si arriva a scoprire quali sono i modi migliori per "abbordare" una potenziale "lei" (o "lui"). Più difficile può risultare imparare quali siano invece le parole da non dire mai, per evitare fraintendimenti o spiacevoli inconvenienti. Come spiega The Telegraph, infatti, esiste un vero e proprio "lessico d'amore" anche per le "storie digitali". Ecco qualche esempio.

Attivo

Non usare parole come "attivo" Thinkstock.it

Ci si ritiene brillanti, sportivi e per nulla pigri? Mai scrivere "attivo" o "dinamico": il perché è presto detto. Questo termine, nel particolare linguaggio del dating online, significa piuttosto "attivo sessualmente". Se non si vuole essere tempestati da messaggi di donne lussuriose è quindi meglio lasciar perdere.

Divertente

Divertenten o provocante? Thinkstock.it

Altro aggettivo da evitare quando si naviga in siti di dating online è proprio "divertente": se nella vita quotidiana significa semplicemente un tipo spigliato e simpatico, in Rete indica piuttosto chi cerca (o "dà") divertimento sotto le lenzuola.

Apparenza

Attenzione a come ci si descrive anche fisicamente Thinkstock.it

Un altro campo minato è senz'altro quello che riguarda l'apparenza, il proprio aspetto fisico: se si è una ragazza o una donna curvy, meglio evitare questo aggettivo, perché invece che rievocare le forme morbide di Marilyn Monroe si finirà per far credere di essere "grassa". Secondo alcuni esperti di dating online, come Duncan Cunningham del Dating Lab, pur non volendo risultare offensivi, si finisce col ritenere che una donna curvy non sia poi così affascinante, quanto sovrappeso.

Lo stesso vale per uomini un po' "tarchiati": è assolutamente vietato usare questo aggettivo o la definizione di "robusto", perché in rete risulteranno quasi sinonimi di "balenotteri".

Attenzione alle frasi "innocenti"

Attenzione anche alle descrizioni che sembrano più innocue

Anche quelle che possono sembrare frasi innocenti possono poi rivelarsi dei veri e propri boomerang. Un esempio? Se una donna scrive che le piace uscire a fare baldoria, ma anche stare a casa a fare lavoretti domestici, secondo gli esperti occorre stare in guardia, perché significa che dietro queste apparenti frasi innocenti si nasconde una donna...pronta a tutto.

Sì alle foto

Si possono usare foto, ma che siano "chiare" Thinkstock.it

Dunque, cosa bisognerebbe scrivere o come ci si dovrebbe comportare online? Secondo Madeleine Mason, organizzatrice di workshops e seminari per dare consigli ai cuori solitari che cercano online l'anima gemella, sarebbe meglio usare una foto: "Una foto vale 1000 parole" spiega l'esperta.

No ai selfie

Da bandire i selfie Thinkstock.it

Mason esorta però anche a evitare buffi selfie e a prestare attenzione a foto nelle quali vengono mostrate altre persone. "Tutti iniziano la propria ricerca da una foto" spiega, aggiungendo: "Una buona foto nella quale si sorride e che sia ben a fuoco, è il miglior modo per far arrivare il proprio messaggio".

Ti potrebbe piacere anche

I più letti