Società

Call Me Maybe, il tormentone conquista gli sportivi

I remake della canzone sono ormai ovunque, e gli atleti non si tirano certo indietro

Call-Me-Maybe-conquista-gli-sportivi_2

– Credits: Youtube

Ormai da un pezzo la canzone dell'estate è cosa nota: non passa giorno senza sentire da qualche parte Call Me Maybe della canadese Carly Rae Jepsen.

La cosa curiosa è che se la voce è sempre la sua, le immagini quasi mai appartengono al videoclip originale, perché sembra che il mondo intero abbia deciso di girare la propria versione. Mancano giusto i tifosi di calcio, ma chissà che anche loro non si facciano travolgere dalla mania.

Complici le Olimpiadi di Londra, l'ultimo remake che ha fatto il botto sul Web è quello della squadra di nuoto statunitense. Michael Phelps e compagni non sono però gli unici sportivi caduti nella rete del motivetto.

È ad esempio fresca di inserimento in Youtube la versione ad opera dei pattinatori su ghiaccio protagonisti della tournée "The Ice 2012":

Tornando indietro nel tempo, ha fatto epoca la squadra di baseball di Harvard, che ha prodotto una quantità di video-risposte (c'è stato pure un gruppo di ragazze che ha realizzato la sua Call Me Maybe esplicitamente per chiedere i loro numeri di telefono):

Siccome nei lunghi viaggi per le trasferte ci si annoia parecchio, un sacco di altre squadre di baseball hanno preso la palla la balzo per girare il loro video, approfittando tra l'altro delle coreografie a prova di manichino, roba paragonabile per difficoltà ai celebri stacchetti musicali delle letterine di Gerry Scotti. Ecco allora la squadra di Columbus al gran completo:

La squadra di Lacrosse dell'Università del North Carolina lavora più di fino, in termini di coreografie e soprattutto di montaggio:

Poteva mancare la squadra di basket della Finlandia? Certo che no:

In generale gli sportivi non sono il massimo della grazia, quando si parla di danza. Meno male che accanto a loro ci sono spesso delle ragazze allenate tanto quanto e però maggiormente focalizzate sul ballo: le cheerleader. Ecco due esempi:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti