Biennale di Venezia: maratona di feste tra arte e moda

Credits: Getty Images

Ce n’è per tutti i gusti alla 55ª edizione della Biennale d’arte veneziana. Apre le danze la Fondazione Prada, il 28 maggio, con un cocktail a Palazzo Corner della Regina. Il 29, da Farah Diba a Larry Gagosian, da Bernard-Henri Lévy a Jeff Koons, tutti ospiti di Mr e Mme François Pinault per la cena in onore degli artisti di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, sull’Isola di San Giorgio Maggiore, regia di Matteo Corvino. Ancora Corvino, il 30 maggio, sulla riva della Giudecca, organizzerà il dinner party su un rimorchiatore che celebra l’esposizione varata dalla moscovita Victoria Foundation, Pawel Althamer e Anatoly Osmolovsky. Fine serata alle Tese dell’Arsenale, per festeggiare la Fondazione Trussardi. Il 31 Louis Vuitton nella sede appena inaugurata, offre la prima mostra nell’Espace dedicato alla cultura, Where should Othello go. Solo per 50 poi cena placé nella magione di Luigino e Roberta Rossi, sul Canal Grande. Infine, il 1° giugno, a Palazzo Grimani a Santa Maria Formosa, cena di Venetian Heritage, con Richard Gere e Tilda Swinton, oltre a Goga Ashkenazi, patronne della maison Vionnet e primo sponsor della serata. (Cesare Cunaccia)

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Commenti