Beyoncè trasforma in oro anche la moda low-cost

La popstar è la nuova testimonial del colosso svedese H&M dopo Vanessa Paradis

Foto Ufficio Stampa H&M/Fotografi Inez van Lamssweerde e Vinoodh Matadin

Stefania Fiorucci

-

E’ considerata la “re mida” della musica pop perché trasforma in oro tutto quello che tocca.

Se partecipa ad un film, la pellicola vince l’Oscar. Se diventa testimonial di un marchio, incrementa le vendite. Se si esibisce al Superbowl, è record d’ascolti. Il suo profumo è il più venduto tra quelli firmati dalle star sia in America che in Europa. La sua linea di abbigliamento, “House of Derèon”, ha fatto impazzire gli inglesi. Le sue canzoni sono costantemente in vetta alle classifiche ed il suo tour mondiale che partirà il 15 aprile dalla Serbia ha già fatto registrare il tutto esaurito

.  
Quando il marchio di abbigliamento low cost H&M ha annunciato che Beyoncè Knowles sarebbe stata la testimonial della collezione estiva, sia in foto e in video, tra le “fashion victims” si è scatenato l’inferno. Tutte a tempestare di email il sito del colosso svedese per sapere il giorno di uscita della linea nei negozi.

IL 2 maggio, fatidica data X, si prevedono code e code davanti ai punti vendita dalla sera prima per riuscire ad accaparrarsi un capo della divina del pop. La quale ha anche dato il suo contributo in fase di progettazione dei modelli in modo che fossero caratterizzati dal suo stile personale.

Il suo segreto?
“Occuparmi personalmente di tutti gli aspetti del mio lavoro", ci ha risposto in esclusiva, "non delegare agli altri quello che riesco a fare io, lavorare ad oltranza fino a che non sono soddisfatta del risultato. Preferisco rimuginare sulle cose quando sono sveglia piuttosto che perderci il sonno di notte”.

Il “Mrs. Carter Show World Tour” prevede una sola data italiana: 18 maggio, Milano. Beyoncè, in questa occasione, ha scelto di presentarsi con il cognome di suo marito Jay Z, Carter appunto, anziché con il suo “strafamoso” Knowles.

“Non ho paura di disorientare i mie fan per due motivi: primo perché la maggior parte delle persone mi chiama Beyoncè e basta. Non ce ne sono altre in giro. Hai sentito parlare di un’altra Beyoncè? Scherzo.  Secondo perché vivo anche il mio privato alla luce del giorno. Amo mio marito e mia figlia, sono orgogliosa di essere parte della famiglia Carter. Prendete la first lady Michelle: chi sa veramente il suo cognome? Tutti la chiamano Michelle Obama e nonostante porti il cognome del marito viene considerata una donna indipendente, colta, volitiva e carismatica. Non ho mai fatto mistero di voler assomigliare a lei. Ho cominciato prendendo il cognome di mio marito”.

Evidentemente una star al massimo della carriera può permettersi questo e altro.

© Riproduzione Riservata

Commenti