“The Beautiful Gene". Il gene dei capelli rossi

A Milano, al Museo della Scienza e della Tecnica, un’ esposizione (e un libro fotografico) per riflettere sull' evoluzione della specie e la potenza del marketing

Rita Fenini

-
 

Nel 2011 la banca del seme più grande del mondo ha smesso, per un certo periodo, di accettare donatori dai capelli rossi. Questo è lo spunto di partenza della ricerca fotografica “The Beautiful Gene”, svolta dalla fotografa di "Fabrica", Marina Rosso, con la direzione creativa di Enrico Bossan. Il motivo di questo rifiuto, in seguito parzialmente ritirato, sembrava essere una precisa scelta di marketing: la domanda era troppo scarsa. Le donne single, la categoria che sempre più si rivolge alla banca del seme, tendono a scegliere un donatore basandosi sulla ricerca del “principe azzurro”: un uomo perfetto, affascinante e sano, che abbia studiato nelle scuole migliori. I capelli rossi raramente rientrano negli ideali personali di chi si affida alle banche del seme. Marina Rosso ha indagato quest’idea e ha agito come un biologo conservazionista: il risultato della sua ricerca sono 47 ritratti, selezionati tra i 204 scattati complessivamente tra Italia, Regno Unito, Irlanda, Belgio, Germania, Olanda, Svezia, Norvegia e Polonia. Una testimonianza scrupolosa ed attenta sulle possibili manifestazioni di un gene minacciato d’estinzione, realizzata con la freschezza e la curiosità di una giovane ricercatrice. Questo progetto nasce da un omonimo volume. Il libro "The Beautiful Gene" prosegue la serie di autoproduzioni editoriali di Fabrica (il centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton Group fondato nel 1994), che invita giovani creativi da tutto il mondo offrendo loro una borsa di studio annuale e la possibilità di sviluppare progetti di ricerca in una gamma di discipline che includono design, comunicazione, fotografia, coding, video, musica, giornalismo e media

The Beautiful Gene
16/04 - 03/06/2014
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Via S. Vittore 21 - 20123 Milano

© Riproduzione Riservata

Commenti