Hai un criminale tra gli antenati? Ecco come scoprirlo
Hai un criminale tra gli antenati? Ecco come scoprirlo
Società

Hai un criminale tra gli antenati? Ecco come scoprirlo

Un sito internet britannico permette di scoprire se tra i propri avi ci sono serial killer, ladri o scippatori

Nell'era di internet, dove tutto viaggia in rete, anche l'albero genealogico finisce sul web, e nulla può più sfuggire, neppure la presenza di criminali tra i propri antenati. Grazie ad un sito, creato da appassionati britannici del ramo, è infatti possibile scoprire se tra i propri progenitori c'era qualche omicida, ladro, scippatore o altro. Gli inglesi, autori di Findmypast.co.uk , non usano questi termini, ma un molto più morbido "pecora nera". Il risultato è lo stesso: è sufficiente cliccare sul sito in questione, inserire il proprio cognome nell'apposito spazio indicato sul web e sullo schermo si potranno leggere vita, morte e miracoli (o delitti) dei propri antenati.

Non solo. Se si è particolarmente curiosi, si può anche digitare la richiesta per poter visionare i documenti originali relativi al "crimine", scritti a mano e scannerizzati. Il tutto è stato reso possibile grazie ad una collaborazione con gli Archivi di Stato britannici, che raccolgono due milioni e mezzo di informazioni su delitti, crimini, serial killer che si sono aggirati nel Regno Unito (e in particolare tra Inghilterra e Galles) tra il 1770 e il 1934.

Il sito è già stato "preso d'assalto", a indicare il successo dell'idea. Del resto, l'archivio contiene non solo indicazioni su chi si è macchiato di crimini, ma anche intere pagine di giornali dell'epoca (notoriamente ricchi di cronaca nera), foto segnaletiche, e persino i carteggi tra i delinquenti e i loro familiari, e le lettere che i parenti scrivevano ai giudici chiedendo clamenza.

Tra le curiosità, c'è la storia di tale Joseph Smith, bigamo e uxoricida, che ai primi del '900 uccise le moglie nella vasca da bagno di casa: ad in castrarlo - vera novità per l'epoca - furono le indagini della squadra scientifica, antenato dei moderni CSI. Tra i "classici" (a conferma che certi delitti e crimini si ripetono nella storia) c'è anche il caso di Catherine Wilson, infermiera che viveva nel Lincolnshire, che si faceva inserire tra i beneficiari dei testamenti dei suoi pazienti, salvo poi uccidelri avvelenandoli. O quello di Amelia Dyler, che alla fine dell'800 si rese autore di uno dei crimini più atroci, uccidendo 400 bambini e gettandoli poi nel Tamigi.

Le prime critiche all'iniziativa non sono tardate, proprio per timore di emulazione, ma anche per il rischio che venga la privacy dei sudditi di Sua Maestà.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti