10 oggetti made in Italy che rischiano di scomparire
fatto-bene.com
10 oggetti made in Italy che rischiano di scomparire
Società

10 oggetti made in Italy che rischiano di scomparire

Per chi ha più di 20 anni ecco alcuni oggetti indimenticabili

Non solo il suo nome, ma anche il suo profumo: sì, la Coccoina rappresenta un oggetto speciale, non una semplice colla, grazie a quel nome e a quell'inconfondibile profumo, ma anche grazie al bastoncino col quale poteva essere "pescata" dalla scatolina blu, per essere stesa sui fogli. Se si hanno meno di 20 anni il ricordo non può che far tornare indietro nel tempo. Così come quello delle Crystal Ball, le bolle da soffiare nell'apposito bastoncino forato, che potevano essere staccate e, anche se scoppiate (o afflosciate) non macchiavano mani né vestiti.

Sono molti gli oggetti che i ragazzi degli anni '80 (e non solo) possono riconoscere tra quelli del progetto "Fatto bene", voluto dalla giornalista Anna Lagorio e dal fotografo Alex Carnevali, per celebrare alcuni dei prodotti di artigianato e industria Made in Italy, che ora rischiano di scomparire. Si va dalla brillantina Linetti all'Acqua distillata da rose della Roberts, alle carte Modiano a a molto altro, scovato (e riscoperto) in giro per il Belpaese.

fatto-bene.com
Creato dal farmacista piacentino Vittoriano Casanova, questo prodotto fa parte delle “terapie olfattive” dell'800, quando i medici erano convinti che esistesse un legame fra l'olfatto e altri organi del corpo, e prescrivevano sacchetti aromatici da indossare per guarire malattie nervose, come la malinconia o l'isteria.Anche Casanova, dopo un viaggio in Eritrea e Somalia, crea un mix di estratti, muschi e resine africane, dando vita alla Carta Aromatica d'Eritrea, che ancora oggi è prodotta nello stesso modo: i suoi fogli possono essere conservati nei cassetti per profumare la biancheria, l'interno dell'auto o ambienti vari
Ti potrebbe piacere anche

I più letti