Tag Heuer
Smartphone & Tablet

Tag Heuer Connected, lusso formato smartwatch

Innovazione firmata Google e Intel e tradizione svizzera si fondono in un orologio ricco di tecnologia, ma con discrezione

Prima della presentazione ufficiale nella Grande Mela lo ha indossato per settimane e nessuno, nemmeno i suoi familiari, si è accorto che al polso aveva uno smartwatch: «Lo abbiamo pensato per chi non desidera un gadget, ma un oggetto bello e di qualità; uno status symbol ricco di funzioni innovative in grado, comunque, di trasmettere emozioni». Così Jean-Claude Biver, ceo di Tag Heuer, racconta a Panorama ispirazione e spirito del «Connected», l’orologio evoluto nato dalla collaborazione tra la casa svizzera e i colossi della tecnologia Google e Intel.

Il design esprime un know-how scolpito in 155 anni di storia e di gusto per il lusso della maison: cassa e fondello sono in titanio per esaltare leggerezza e resistenza; il cinturino è in caucciù, di base nero ma con sei colori disponibili a parte per armonizzarlo al proprio stile; il display, in zaffiro, è davvero definito e mantiene lancette e indici sempre visibili, come avviene in un qualsiasi orologio tradizionale.

Comodo da portare, quasi inavvertibile sul braccio e non ingombrante (il diametro è di 46 millimetri), nasconde prodigi hi-tech che, quando sollecitati, rispondono a dovere: il processore Atom di Intel lo rende fluido e veloce, mentre la piattaforma Android Wear, compatibile anche con gli iPhone, oltre a essere parecchio intuitiva permette di personalizzarlo con migliaia di applicazioni, alcune esclusive, gestibili da tre piccoli contatori interattivi sul quadrante: ecco un’alternativa discreta e chic alle notifiche invasive che lampeggiano sullo schermo e inceneriscono ogni velleità di grazia negli smartwatch.  

Accolto con grande favore all’estero e disponibile in Italia a inizio 2016 a 1.350 euro, il «Tag Heuer Connected» propone anche un antidoto alla corsa del tempo che rende la tecnologia vecchia e scaduta: trascorsi i due anni di garanzia, è possibile scambiarlo con un modello meccanico Swiss Made Carrera realizzato ad hoc. Basta aggiungere ancora 1.350 euro, mentre un classico orologio della collezione Carrera costerebbe dai 3 mila in su: «Abbiamo inventato un modo» commenta Biver «per trasformare un oggetto che diventa obsoleto in qualcosa che rimane per sempre. Che si connette all’eternità».

Tag Heuer Connected, le foto

Ti potrebbe piacere anche