Thinkstock by Getty Images
Sicurezza

Quanti soldi vale la tua vita digitale

Per poco più di 50 euro saremmo disposti a comunicare alle aziende qual è il nostro stato di salute, per 70 euro cederemmo persino le password

Poco meno di tre euro per dire alle aziende se siamo un uomo o una donna. Quasi otto per comunicare qual è il nostro stato civile. Cinque euro e cinquanta centesimi per il nostro numero di telefono. Fin qui, nessuna sorpresa. Sono informazioni di poco conto, che cediamo quotidianamente a titolo gratuito compilando form vari a raffica sul web. Guadagnarci qualcosa, anzi, a tanti potrebbe apparire come il classico grasso che cola.

Le sorprese vengono adesso: in media, i consumatori attribuiscono un valore di 33 euro alle proprie informazioni bancarie. Per 55 euro sarebbero disposti a rivelare a un’impresa le loro condizioni di salute. Per 70 euro (69,55 per la precisione) condividerebbero persino le loro password. Totale, calcolatrice alla mano: 230 euro. Tanto varrebbe la nostra vita digitale. Sinceramente, un bel po’ poco. È questa però la conclusione di uno studio condotto dalla società di sicurezza Trend Micro assieme ai ricercatori del Ponemon Institute.

Thinkstock by Getty Images

Coinvolgendo quasi duemila consumatori in tutto il mondo, Italia inclusa, è venuto fuori che la cifra media che le aziende dovrebbero sostenere per le nostre informazioni personali è di 17,98 euro a dato. Un investimento mirato a ottenere dati spesso sensibili e in parte irraggiungibili, con il nostro consenso. Non tacito, ma esplicito. Inattaccabile. Per fini leciti, come ricerche di mercato o per proporci prodotti in target con i nostri gusti, s’intende. Comunque, è evidente che non abbiamo chissà quante remore a metterci a nudo.

Continuando a scorrere la lista, si scopre che per 11,19 euro cederemmo foto e video. Per qualcosina in più, circa 12 euro, il nostro indirizzo di residenza. Per 15 euro ci faremmo localizzare, per 18,90 euro daremmo pieno accesso alla nostra cronologia degli acquisti. Insomma, è come se avessimo attaccato un cartellino su ogni informazione e fossimo pronti a passare all'incasso.

Calcolatrice alla mano, la nostra vita digitale vale all'incirca 230 euro

Il sottinteso pare essere evidente: molti utenti pensano che questi dati, in un modo o nell’altro, sono già preda facile delle aziende, quindi tra non avere nulla o la prospettiva di guadagnare un paio di banconote da 100 euro, la scelta non è impossibile. Il fatto però che le password siano valutate così poco, deve far riflettere sullo scarso rilievo che attribuiamo ai cancelli, alle ultime barriere a difesa della nostra privacy digitale. Di certo, le chiavi di casa nostra, non le daremmo mai a nessuno. Figurarsi per 70 euro. Siamo sicuri che la differenza tra i due mondi, quello reale e quello virtuale, sia davvero così marcata come pensiamo? Possiamo ancora permetterci un tale peccato di leggerezza?

Ti potrebbe piacere anche