Google
Sicurezza

7 consigli per proteggere il tuo account Google

Dalla scelta della password alla verifica in due passaggi: tutte le accortezze da utilizzare per prevenire gli attacchi dei malintenzionati

Gli eventi cybercriminosi degli ultimi tempi ci dicono che gli hacker sono generalmente attratti da due cose: le grandi comunità online e la possibilità di sottrare informazioni confidenziali. Non è un caso che i servizi di accesso universali - come ad esempio Google Account - siano sempre di più il target preferiti dai malintenzionati.

Pur senza creare facili allarmismi, vale la pena soffermarsi sui rischi associati all'utilizzo di questi passepartout del Web. Qui di seguito vi offriamo alcuni pratici consigli per mettersi al riparo da cattive sorprese, un breve vademecum con tutto quello che c’è da sapere sulla sicurezza degli account Google.

1. Scegli bene la tua password

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: le password sono le chiavi di ingresso del nostro account, e come tali vanno scelte con cura. L’ideale, sarebbe utilizzare lettere e caratteri alfanumerici e cambiarle di tanto in tanto. Se proprio non avete tempo e voglia da dedicare alla questione, evitate almeno di utilizzare per il vostro account Google una password già utilizzata altrove. Sarebbe come usare la stessa chiave per chiudere le porte di casa, dell'auto e dell'ufficio: persa una, persa tutte.

2. Disconnettiti alla fine di ogni sessione

Accedere ad un account Google offre molti vantaggi, primo fra tutti la possibilità di recuperare in un solo colpo tutte le informazioni correlate all'Universo Google: dalla posta di Gmail ai segnalibri di Chrome, dai preferiti di YouTube ai documenti di Drive. Rimanere loggati sempre e comunque non è però una buona prassi, soprattutto quando si utilizza un computer pubblico. Meglio disconnettersi alla fine di ogni sessione. Per farlo clicca sulla foto o sull'indirizzo email dell'account nell'angolo in alto a destra e seleziona Esci.

3. Installa Password Alert

Password Alert è un’estensione gratuita per il browser Chrome che consente di ricevere un avviso ogni qual volta una password Google viene inserita in un sito diverso dalle pagine di accesso dall’account Google. L'obiettivo, spiega la società di Mountain View, è proteggere da attacchi di phishing e incoraggiare gli utenti ad utilizzare password diverse per siti diversi

4. Usa la verifica in due passaggi

La verifica in due passaggi è un sistema di protezione pensato per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza quando si utilizzano servizi di largo consumo (e dunque particolarmente a rischio). Nel caso specifico di un account Google, l’utente può chiedere l’invio di un codice via SMS, telefonata o app verso uno specifico numero di telefono specificato. In questo modo gli eventuali accessi non autorizzati verranno bloccati, a meno che il cybercriminale non sia in possesso del telefono dell'utente. La verifica supplementare può essere eventualmente esclusa per il computer o i dispositivi utilizzati abitualmente.

5. Controlla le impostazioni di Gmail

Se utilizzi Gmail, puoi adottare alcune misure specifiche per assicurarti che il tuo account sia protetto. È sufficiente aprire la scheda Impostazioni in Gmail e controllare le specifiche di inoltro e delega che concedono l'accesso al tuo account ad altre persone per verificare che le tue email vengano indirizzate correttamente.

6. Blocca lo schermo (o il dispositivo)

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. In qualsiasi luogo pubblico nel quale effettui un accesso Internet (compreso il tuo posto di lavoro) cerca perciò di utilizzare dispositivi dotati blocca-schermo, meglio se automatico (ovvero già configurati per attivarsi ad ogni passaggio in stand­by). Il tuo PC o il tuo telefono lasciati incustoditi potrebbero fare gola a qualcuno.

7. Evita di scaricare software e contenuti a rischio

Le vie del malware sono infinite, si sa. Tuttavia esistono comportamenti e (cattive) pratiche che aumentano l’esposizione al rischio. Uno su tutti, il download di contenuti esterni. Per questo è sempre buona norma aggiornare browser e sistema operativo, controllare che le applicazioni arrivino da fonti attendibili ed evitare di scaricare musica, film, file condivisi da siti o torrent illegali.

Ti potrebbe piacere anche