meridiano
Spazio

Astronomia: perché si è mosso il meridiano di Greenwich?

Una leggera flessione nella direzione della gravità a livello locale lo ha fatto spostare di oltre 100 metri

E' un verde sobborgo di Londra appoggiato a un'ansa del Tamigi, con un enorme parco fiorito e un centro pieno di negozi pittoreschi che nel weekend ospita uno dei mercatini più belli di Londra. Greenwich mi piace e la conosco bene perché ci torno ogni anno a trovare dei parenti che ci abitano. Non faccio perciò parte di quel fiume di turisti, soprattutto italiani, che fanno la fila per ore per poter guardare da vicino il mitico meridiano zero, all'interno dell'osservatorio astronomico, perché per me il fatto che questa astrazione geografica "passi" proprio di lì conta ben poco. Chissà che faccia farebbero però tutti quegli adolescenti zainati e rumorosi che si sono separati da parecchie sterline per il privilegio di farsi il selfie col meridiano se sapessero che la riga tracciata per terra in quel rettangolo di cemento recintato non corrisponde più alla linea di partenza del tempo del mondo.

La linea che corre da nord a sud e marca zero gradi di longitudine, che una delegazione di scienziati riunita a Washington Dc nel 1884 stabilì dover passare proprio per l'osservatorio di Greenwich, in realtà corre 102 metri a est del grande telescopio. Così decretano inesorabili i ricevitori satellitari. A spiegare il perché ci provano gli astronomi dell'Università della Virginia, in un lavoro appena pubblicato sul Journal of Geodesia. "Con i progressi della tecnologia, la variazione del primo meridiano era inevitabile", spiega Ken Seidelmann, co-autore dello studio. "Forse un nuovo marcatore dovrebbe essere installato nel Parco di Greenwich per il nuovo primo meridiano".

Le nuove tecnologie, e in particolare l'accuratezza del sistema di posizionamento globale GPS, che utilizza i satelliti per misurare con precisione le coordinate di griglia in qualsiasi punto sulla superficie della Terra, hanno sostituito le tradizionali osservazioni telescopiche utilizzate per misurare la rotazione della Terra. Secondo Seidelmann e i suoi colleghi del US Naval Observatory, l'Agenzia Nazionale di Intelligence Geospaziale, e la società statunitense Analytical Graphics Inc., una leggera flessione nella direzione naturale della gravità di Greenwich è responsabile dello spostamento.

Poiché la Terra non è perfettamente rotonda, e visto che luoghi differenti hanno diverse caratteristiche del terreno che influiscono sull'attrazione gravitazionale, i sistemi tradizionali per misurare la longitudine portano con sé variazioni o errori, in base alla posizione specifica in cui vengono prese le misure. Le osservazioni insomma sono state basate su una determinata verticale e sono dipendenti dalle condizioni locali. Tuttavia, spiega Seidelmann, il GPS misura la verticale presa dallo spazio in linea retta direttamente attraverso il centro della terra, ignorando efficacemente gli effetti gravitazionali delle montagne e degli altri tipi di terreno.

Il meridiano dipende dalla direzione della verticale, che dipende a sua volta dalla gravità e dal metodo di osservazione. Tranquilli comunque: lo spostamento di longitudine che si osserva a Greenwich è un effetto localizzato dovuto alla direzione della gravità in quel preciso punto e non un cambiamento globale nel sistema della longitudine del mondo.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti