hubble_friday_08212015
Spazio

2015 anno internazionale della luce: ecco le meraviglie che risplendono nel cosmo

La luce è il messaggero che ci consente di scoprire e ammirare i più straordinari e spettacolari fenomeni dell’universo

Le Nazioni Unite hanno proclamato il 2015 anno internazionale della luce. Ma che cos’è la luce? La domanda, che all’apparenza può sembrare tanto banale da non porsela nemmeno, è invece fondamentale per capire la sua vera essenza.

Dal punto di vista prettamente della fisica, se intendiamo la luce visibile, si tratta dell’insieme di onde elettromagnetiche (o di fotoni: ha una duplice natura) percepibile dai nostri occhi. 

Ma, ragionando in modo più ampio, i significati in cui si può declinare questa parola sono molteplici. La luce è informazione. Senza, non potremmo guardarci l’un l’altro e vedere il mondo che ci circonda. Oggi una quantità elefantiaca di dati transita ogni nanosecondo sotto forma di luce infrarossa attraverso l’intricato groviglio di fibre ottiche che avviluppa tutto il globo.

La luce è anche conoscenza: non a caso l’oscurantismo è associato all’epoca dell’ignoranza e dell’occultamento delle idee. Nell’ambito delle scienze la luce ha un ruolo fondamentale. Non solo è indispensabile per la vita, ma consente di studiarla guardando all’infinitamente piccolo, osservando i processi che avvengono dentro le cellule viventi. In astronomia, a differenza di altri campi di ricerca dove si può indagare direttamente con il contatto fisico, è l'unico mezzo in grado di trasmetterci le informazioni su luoghi altrimenti inaccessibili perché distanti e intangibili.

Lo studio dell’Universo si basa quindi sulla decifrazione della luce che ci arriva dall’infinità di oggetti che contiene: stelle, galassie, pianeti e tutti gli altri corpi celesti. Flavio Fusi Pecci, vice-Presidente della Società Astronomica Italiana ci aiuta a raccontare la “storia” della luce nell’esplorazione dell’universo: “sin dall'antichità abbiamo studiato il cosmo attraverso la luce, prima con gli occhi poi con strumenti sempre più potenti”

© Riproduzione Riservata

Commenti