Tumori: Kiss in concerto per Leonardo, bimbo malato di leucemia

kiss

a cura di LABITALIA/ADNKRONOS

-

Milano, 12 giu. (Adnkronos Salute/Labitalia) - Il suo sogno più grande è sempre stato conoscere i Kiss. Ed è diventato realtà grazie a Make-A-Wish Italia, Onlus con sede a Genova che dal 2004 opera su tutto il territorio nazionale per realizzare i desideri di bambini e ragazzi malati. Leonardo, 5 anni, affetto da leucemia linfoblastica acuta da quando ne aveva 2 e mezzo, ha vissuto l'emozione unica di partecipare a un concerto della sua band preferita, incontrando tutti i componenti e ricevendo da loro attenzioni a prova di rock.

Il 16 maggio scorso il piccolo Leonardo e la sua famiglia sono stati accompagnati da un volontario di Make-A-Wish Italia al concerto di Bologna, che hanno vissuto come fosse una vera e propria favola. Al braccio avevano un pass 'All Access' che ha permesso loro di accedere a ogni area. Hanno così assistito al backstage dove il gruppo ha suonato e cantato 'in abiti civili' alcune canzoni per un ristrettissimo numero di fan - tra cui Leonardo - e hanno incontrato Peter Criss, l'Uomo Gatto e batterista dei Kiss che, informato del fatto che Leonardo aveva espresso il desiderio di suonare la batteria, al momento dell'autografo si è chinato sul piccolo e gli ha regalato le sue bacchette autografate. La band ha fatto un altro dono al piccolo: un tamburo, il rullante della batteria, autografato da tutti i componenti.

"Leonardo non credeva ai suoi occhi - ha raccontato la sua mamma - Ha preso il tamburo, più grande di lui, e non l'ha più lasciato. E' stata un'emozione unica per lui, proseguita con il concerto: 2 ore durante le quali ha cantato e 'suonato' con il suo nuovissimo tamburo tutte le canzoni dei Kiss. Non ha mai smesso di sorridere, fino a quando anche l'ultimo riflettore si è spento e siamo tornati in hotel. E' stata un'esperienza unica per lui, ma anche per noi, che da sempre gli siamo accanto per combattere la dura battaglia contro la malattia. Leonardo aveva appena 2 anni e mezzo quando gli è stata diagnosticata una leucemia linfoblastica acuta - ha ricordato - E' stato molto forte, sempre, nell'affrontare le chemioterapie, i controlli in anestesia totale, le pasticche e tutto quello che comporta la battaglia contro il cancro. Per questo siamo ancora più felici nel vederlo sorridere e vogliamo fare un ringraziamento speciale al team di Make-A-Wish Italia che ha reso tutto ciò possibile. La sua forza è la nostra forza".

Servono alleati speciali per mettere Ko tristezze e paure portate dai tumori e gravi malattie, specie se colpiscono i bambini. Make-A-Wish Italia, affiliata a Make-A-Wish International, una delle organizzazioni benefiche più note al mondo, è arrivata nel nostro Paese per volere di Sune Frontani e di suo marito che l'hanno fondata dopo la perdita della loro bimba, Carlotta, scomparsa a 10 anni per una grave malattia. Oggi conta 250 volontari e collabora con i più importanti ospedali pediatrici del Paese, destinando l'82% delle sue spese alla realizzazione dei desideri dei più piccoli. Oltre a quello di Leonardo, sono stati già esauditi più di 1.600 desideri.

E tutti possiamo fare qualcosa. I modi per sostenere Make-A-Wish Italia sono tanti, a partire dalla donazione del 5xmille a Make-A-Wish Italia Onlus. Un piccolo, grande gesto, per aiutare a realizzare i desideri dei bambini gravemente malati (Codice fiscale: 95090980103).

"Ogni piccolo gesto di sostegno sarà per noi un grande aiuto - ha dichiarato Sune Fontani, co-fondatrice e direttore generale di Make-A-Wish Italia - Ci consentirà di lavorare al meglio per esaudire i desideri di questi bambini, donando loro una sferzata di energia e di positività che li aiuterà ad affrontare i momenti peggiori e a renderli vincibili anche grazie ad un atteggiamento e a delle emozioni positive. Del resto, tutti i bambini hanno dei sogni. Ma realizzarli per alcuni conta di più. Aiutateci a trasformare ogni desiderio in un bambino più forte".

© Riproduzione Riservata

Commenti