Salute

Smile vince 'Tech Care', la gara di idee 'amiche' dei malati di sclerosi multipla

tech_care

Roma, 29 mag. (AdnKronos Salute) - Si chiama Smile il progetto che ieri, domenica 28 maggio, a Cagliari si è aggiudicato la vittoria della seconda edizione di 'Tech Care', l’hackathon promosso dall’Associazione italiana sclerosi multipla Cagliari e sviluppato da Open Campus in partnership con Sanofi Genzyme, divisione Specialty care di Sanofi, col patrocinio di Fondazione di Sardegna.

Smile è una applicazione che 'accompagna' le persone con sclerosi multipla in un percorso adattato di attività fisica, con l'obiettivo di migliorare la loro quotidianità sia dal punto di vista fisico che psicologico. Un sistema integrato che punta a migliorare il benessere di chi fa i conti con la malattia attraverso l’attività fisica, con un impatto positivo sulla qualità della vita, come ha spiegato Marzia Casula, presidente di Aism Cagliari: "Lo sport aiuta molto dal punto di vista dell'umore perché le persone con sclerosi multiple sono convinte di avere limiti. Invece, scoprono di avere la possibilità di svolgere attività fisiche adattate che fanno bene alla loro mobilità e possono rallentare il decorso della patologia".

Smile si è aggiudicato i 4 premi in palio: un voucher del valore di 3 mila euro da spendere in servizi finalizzati allo sviluppo del progetto; una postazione gratuita per 3 mesi all’interno dello spazio di coworking Open Campus; la partecipazione a Cambiamenti, il programma di Sardegna Ricerche che mira a identificare e valorizzare le migliori idee imprenditoriali ad alto valore sociale e ambientale; e la partecipazione, per un membro del team, alla Summer School di Rena, per cinque giorni di formazione e incontri con esperti di alto livello.

Promosso dall’Aism Cagliari e sviluppato da Open Campus in partnership con Sanofi Genzyme, con il patrocinio di Fondazione di Sardegna, il concorso poneva 4 sfide: migliorare e semplificare la comunicazione tra operatori sanitari, persone con Sm e familiari; garantire una corretta e completa informazione sulla sclerosi multipla; offrire un supporto tecnologico al rapporto medico-paziente; aiutare le persone con sclerosi multipla a non dimenticare le cose importanti di tutti i giorni.

Da oltre 45 anni Aism è l’associazione delle persone con sclerosi multipla e rappresenta un concreto punto di riferimento per le 114 mila persone con la malattia, per i loro familiari e per gli operatori sanitari e sociali.

L'associazione rappresenta e afferma i diritti delle persone con Sm; promuove i servizi a livello nazionale e locale; sostiene, indirizza e promuove la ricerca scientifica.

© Riproduzione Riservata

Commenti