Salute

Sanità: Unicef, in aumento attacchi a scuole e ospedali in zone di conflitto

Siria_ospedale_Msf

Roma, 19 mag. (AdnKronos Salute) - Secondo un'analisi dell’Unicef, lanciata a poche ore dal World Humanitarian Summit, in media ogni giorno 4 scuole o ospedali sono attaccati o occupati da gruppi e forze armate. "Gli attacchi contro le scuole e gli ospedali durante un conflitto sono in allarmante e terribile crescita - è l'allarmata nota di Afshan Khan, direttore dei programmi di emergenza dell'Unicef - I colpi diretti e intenzionali a queste strutture e al personale medico e scolastico sono crimini di guerra. I governi e gli altri attori devono proteggere le scuole e gli ospedali secondo le leggi del diritto internazionale e le leggi del diritto internazionale umanitario, e gli Stati devono sottoscrivere il proprio impegno nella Dichiarazione sulle scuole sicure".

Gli attacchi contro le scuole e gli ospedali rappresentano una delle sei gravi violazioni contro i bambini identificate dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, scrive l'organizzazione Onu. L'ultimo Rapporto del segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati ha documentato oltre 1.500 episodi di attacchi o di utilizzo per scopi militari di scuole e ospedali nel 2014, tra cui: in Afghanistan 163 suole e 38 strutture sanitarie sono state attaccate; in Siria sono stati registrati 60 attacchi a strutture scolastiche, 9 casi di scuole utilizzate per uso militare e 28 attacchi a strutture sanitarie; in Yemen 92 scuole sono state utilizzate per fini militari da gruppi e forze armate; in Sud Sudan si sono verificati 7 attacchi a scuole e 60 episodi di utilizzo delle scuole per scopi militari; nello Stato della Palestina sono stati 543 gli attacchi che hanno distrutto o danneggiato le strutture sanitarie e 3 sono gli attacchi documentati a scuole di Israele; in Nigeria, secondo le autorità dell'istruzione nel Nordest del Paese, 338 scuole sono state distrutte o danneggiate tra il 2012 e il 2014.

© Riproduzione Riservata

Commenti