Salute

Sanità: Papa a Milano, maxi macchina soccorsi con 2 mezzi solo per Pontefice

Papa_Afp_25022017

Milano, 21 mar. (AdnKronos Salute) - Una giornata densa di tappe e appuntamenti e un percorso che si snoda sui territori di 2 province. Ad accogliere Papa Francesco a Milano non ci saranno solo migliaia di fedeli, ma anche una maxi macchina dei soccorsi. Con uno spiegamento di forze straordinario almeno quanto l'evento in programma per sabato 25 marzo. Due mezzi, un'automedica e un'ambulanza, saranno solo per lui, il Papa, e lo scorteranno come segugi durante tutti gli appuntamenti previsti dalla sua visita pastorale, da quando la mattina di sabato atterrerà fino al suo decollo, sempre dall'aeroporto di Linate, al termine del tour lombardo. Ci sarà una 'mente', un centro nevralgico che si occuperà della gestione dell'evento, di coordinare una macchina con più ramificazioni, diffusa sul territorio.

Tutte le tappe saranno presidiate con un potenziamento di uomini e mezzi. Fino alle stazioni ferroviarie, punto di snodo negli spostamenti dei fedeli. E solo per il Parco di Monza, dove si celebrerà la Messa, si parla di 4 Pma (posti medici avanzati), 2 automediche di cui una dedicata solo ai 6 mila disabili attesi, altre 2 fuori dal parco, 8 ambulanze e 100 squadre appiedate. Allertata anche l'Unità sanitaria di decontaminazione al mattino in zona Milano e nel pomeriggio in zona Monza.

L'Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) è pronta per ogni evenienza. E fa il punto sull'organizzazione sanitaria messa in campo per una grande manifestazione di massa come è la visita pastorale del Pontefice. "E' stato indispensabile pianificare un'azione straordinaria di soccorso sanitario, sia per l'assistenza ordinaria dei singoli eventi sia per fronteggiare eventuali eventi maggiori, cioè qualsiasi incidente che per localizzazione, numerosità delle persone coinvolte e gravità richieda risorse straordinarie", spiega l'Areu.

A fare da bussola anche "le esperienze maturate negli anni". Primo punto: si è prestata particolare attenzione al numero e alla disposizione dei punti di soccorso fissi e dei mezzi di soccorso mobili da destinare alla copertura dell'evento, chiarisce l'Areu. "Un'esigenza particolare, che è apparsa da subito irrinunciabile è la richiesta di allestimento di un Centro di coordinamento dei soccorsi (Ccs) che si dedicasse esclusivamente alla gestione dell'evento, e in grado di interfacciarsi efficacemente con il sistema permanente di soccorso sia sanitario che non".

Nel Com, Centro operativo misto, di via Drago (lo stesso di Expo) sarà sempre presente un medico della Direzione Areu, dalle 8 alle 2 del mattino. Per la sala operativa 118 metropolitana si è pensato a un potenziamento con un infermiere e un operatore tecnico dalle 8 alle 2, e con un ulteriore operatore tecnico dalle 24 alle 7 (per la 'normale amministrazione'). In più, specificatamente dedicati al cosiddetto 'evento Papa' (gestione e coordinamento dei soccorsi dell'intero evento), scenderanno in campo un medico dalle 8 alle 20, 4 operatori tecnici dalle 6 alle 24, un operatore tecnico dalle 9 alle 21, un capo turno dalle 6 alle 24, 1 infermiere dalle 24 alle 7.

Per l'assistenza al Papa l'automedica e l'ambulanza saranno pronte dalle 7 all'aeroporto di Linate e saranno al seguito del corteo per l'intera giornata durante le diverse iniziative in programma, fino alle 18.30 di nuovo all'aeroporto di Linate, sede di ripartenza. Tutte le tappe in programma per il Pontefice - incontro in via Salomone, incontro sacerdoti in piazza Duomo, incontro cresimandi a San Siro, messa la parco di Monza - vedono un potenziamento di ambulanze, automediche, squadre appiedate, medici per il coordinamento, operatori tecnici.

I 4 Pma allestiti al Parco di Monza copriranno diverse fasce orarie: 2 dalle 8 alle 18, uno dalle 8 alle 20 e uno dalle 6 alle 18, con la presenza ciascuno di 2 medici, 3 infermieri, 2 soccorritori e un medico di continuità assistenziale e/o pediatra di base.

Per quanto riguarda i mezzi, delle 2 automediche previste all'interno del parco, oltre a quella in attenzione ai disabili ce ne sarà una a disposizione dei 4 Pma. Le altre 2 automediche posizionate fuori dal parco sono per i servizi a Monza e Comuni limitrofi. Completano il quadro le 8 ambulanze e 100 squadre appiedate e l'Unità sanitaria di decontaminazione con 8 operatori.

Sono stati poi potenziati i punti di arrivo e ripartenza, ovvero le stazioni ferroviarie di Arcore, Lissone, Villasanta e Monza, ciascuna con un'ambulanza e una squadra appiedata (2 ambulanze e 2 squadre appiedate a Monza, che ha due 'uscite' dalla stazione) che coprono l'orario dalle 6 fino alle 4.

© Riproduzione Riservata

Commenti