Salute

Ricerca: Lav, 17 mila euro a progetto #zeroanimali università Bologna

lav_promo

Roma, 22 mar. (AdnKronos Salute) - Nell'ambito delle attività a sostegno dei metodi di ricerca senza animali, la Lav devolverà 17 mila euro per il progetto coordinato da Aldo Roda del Dipartimento di chimica 'G. Ciamician' dell'università di Bologna, finalizzato a sviluppare modelli alternativi all'uso di animali per i test di farmaci e nuove molecole. La donazione e la ricerca saranno al centro di un appuntamento di mercoledì 29 marzo, all'ospedale Sant'Orsola del capoluogo emiliano.

Il Laboratorio di chimica analitica e bioanalitica - spiega la Lega anti vivisezione - è all'avanguardia nello sviluppo di nuove metodologie basate sull'impiego di linee cellulari e test in vitro basati sulla bioluminescenza, che permettono di studiare diversi fenomeni fisio-patologici quali progressione tumorale, infiammazione, stress ossidativo, e attività di enzimi coinvolti nel metabolismo del colesterolo e nelle dislipidemie. Per raggiungere questo obiettivo ambizioso, saranno sviluppati 'organ-on-chip' e sistemi multi-organoide sfruttando co-colture cellulari 3D interconnesse tramite microfluidica per simulare le interazioni tra i diversi tipi di cellule, al fine di ottenere risultati più affidabili e predittivi degli attuali modelli 2D in vitro e dei modelli animali.

Il finanziamento a favore della ricerca è reso possibile anche grazie al contributo dei cittadini che hanno scelto di devolvere alla Lav il 5x1000. "Questa borsa di studio è l'ennesima dimostrazione che non solo è possibile, ma è doveroso fare una ricerca senza vivisezione - afferma la biologa Michela Kuan, responsabile Lav area ricerca senza animali - I test su animali appartengono al passato e il nostro Paese necessita di un imminente e tangibile cambiamento che lo porti su un piano competitivo con il contesto europeo, offrendo alle nuove generazioni una reale opportunità di lavoro, e ai malati le migliori speranze di cura".

Negli ultimi anni - ricorda l'associazione - la Lav ha finanziato con migliaia di euro progetti sperimentali che non impiegano animali. Sabato 25 e domenica 26 marzo, e nel fine settimana del 1 e 2 aprile, la Lega sarà in tante piazze italiane per raccogliere fondi a favore della ricerca senza animali e chiedere al Governo di destinare il 50% dei fondi per la ricerca allo sviluppo dei metodi sostitutivi: in centinaia di piazze sarà possibile firmare la petizione e sostenere questa campagna scegliendo l'uovo di Pasqua della Lav (scopri dove su www.lav.it).

Sono 700 mila - secondo i dati dell'associazione - gli animali usati ogni anno nei laboratori italiani. Sono topi (485.820) e ratti (129.446) le specie più utilizzate, ma anche conigli (7.059) e uccelli (29073); il numero di macachi è aumentato da 302 a quasi 450, e sono 500 i cani ancora utilizzati in test dolorosi e dalla dubbia valenza scientifica. Duemila al giorno muoiono per le conseguenze: avvelenamento, ustioni, mutilazioni, infezioni e altre malattie.

Oltre il 95% dei test su animali non supera le prove cliniche per gli esseri umani, sottolinea la Lav. L'Italia, conclude, è fanalino di coda nel finanziamento di metodi alternativi alla sperimentazione animale ai quali la Germania destina 50 milioni di euro, mente il nostro Paese si ferma a 500 mila euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti