Ecco la pillola anticoncezionale per l'uomo, senza ormoni

Scoperto dai ricercatori australiani il modo di bloccare il trasporto degli spermatozoi, senza effetti collaterali

– Credits: iStockphoto

Redazione

-

Una pillola contraccettiva per l'uomo, basata su una tecnica non ormonale, facilmente reversibile e senza effetti futuri sulla prole, potrà essere disponibile entro 10 anni, dopo che scienziati australiani hanno scoperto una maniera per rendere temporaneamente infecondi topi di laboratorio.

I ricercatori dell'Istituto di scienze farmaceutiche dell'Università Monash di Melbourne hanno disattivato in topi geneticamente modificati due proteine essenziali per il trasporto dello sperma, e stanno sperimentando farmaci per bloccarle. La ricerca guidata dal professor Sab Ventura e pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, mostra che i topi maschi erano infecondi al 100% dopo che erano state disattivate le proteine che trasportano lo sperma dall'epididimo all'uretra, senza effetti sul comportamento o sulla funzione sessuali.

Ventura spiega che i topi facevano sesso normalmente fino al punto dell'eiaculazione, ma non emettevano sperma. Va notato, aggiunge, che la tecnica non ha danneggiato lo sperma, che è stato successivamente usato con fecondazione in vitro producendo nati sani.

Finora i tentativi di creare un contraccettivo maschile sono stati ostacolati da preoccupazioni per l'impatto sulla funzione sessuale e da incertezze sulla riversibilità e sulla salute della futura prole. Ventura spiega che la nuova tecnica, come una vasectomia chimica temporanea, evita tali rischi bloccando il percorso dello sperma. "La nostra tecnica offre vantaggi perché non è ormonale quindi gli uomini non avranno paura di ricorrervi, è facilmente reversibile, quindi i giovani potranno usarla e continuare ad avere uno sperma efficace, e non ha effetti sulla prole futura. Esiste già un farmaco che sopprime una delle due proteine, ma non è stata ancora trovata una sostanza chimica da cui derivare un farmaco in grado di bloccare la seconda proteina, precisa lo scienziato. (ANSA) 

© Riproduzione Riservata

Commenti