Salute

La tecnica, botulino nelle corde vocali per modificare il suono

record_karaoke2

Roma, 20 nov. (AdnKronos Salute) - L'ultimo intervento chirurgico shock in Estremo Oriente? Dopo gli occhi ritoccati per correggere la forma a mandorla, o le bocche rese artificialmente e perennemente 'sorridenti', arriva l'operazione per trasformare la propria voce: troppo stridula? Troppo profonda? Ci pensa il chirurgo plastico. Diverse cliniche in Cina e in Sud Corea offrono questo nuovo modo di cancellare difetti, non più solo estetici ma anche 'fonetici', riporta il 'Daily Mail' online. Un intervento che solitamente era riservato a pazienti che si sottopongono al cambio di sesso, ma che ora si sta diffondendo anche tra le altre persone. Donne e uomini.

Questo nonostante il noto rischio che questa procedure comporta: la perdita totale della voce, così come gravi polmoniti. Il tabloid britannico ha intervistato un ragazzo che si è sottoposto al 'cambio di voce': Lu Xiang, 23 anni: "Per moltissimi anni i miei compagni di classe e poi i miei colleghi mi hanno preso in giro a causa della mia voce, chiamandomi 'femminuccia'. Non ho una fidanzata. Le donne non mi vedono come un vero uomo, anzi spesso mi trattano come una loro amica, sempre per colpa della mia voce". Lu lavora come operatore in un call center e al telefono viene spesso scambiato per una donna. Le persone danno per scontato che sia gay a causa del modo in cui parla. Così, nonostante i potenziali rischi della chirurgia, ha deciso di andare avanti e sottoporsi all'operazione per 'abbassare' la tonalità della sua voce.

Si tratta di tagliare un segmento di cartilagine dalla laringe e di iniettare della tossina botulinica nelle corde vocali per renderle più corte e piatte, cosa che 'abbassa' la voce, anche se con un effetto temporaneo. Ma non sono solo gli uomini a scegliere il bisturi per questo problema: anche le donne con una voce troppo bassa o rauca vogliono recuperare la loro femminilità.

Cliniche in Cina e anche in Sud Corea confermano di aver avuto un boom di richieste da parte di pazienti cinesi: in una sono state effettuate almeno 200 operazioni di questi genere negli ultimi 4 anni, in un'altra almeno 100 solo l'anno scorso.

© Riproduzione Riservata

Commenti