Salute

Bimbo operato al cervello passando per l'arteria femorale

Straordinario intervento a Padova, senza aprire la scatola cranica

Operato al cervello intervenendo su una gamba. Grazie a tre microcateteri poco più spessi di un capello all’ospedale di Padova sono riusciti ad operare un bambino di 13 mesi affetto da una grave malformazione cerebrale senza intervenire direttamente sul cervello né perforare la scatola cranica.

L’intervento, rarissimo visto che ogni anno in Italia ne vengono effettuati meno di dieci, è stato realizzato dell’equipe del dottor Francesco Causin, direttore di Neuroradiologia dell’azienda ospedaliera di Padova . Il piccolo paziente presentava un’estesa fistola artero-venosa congenita, una rara malformazione che provoca una sorta di “cascata” di sangue che sovraccaricava in un’area del cervello la normale circolazione. Una malformazione che l’avrebbe condannato a pesati ritardi nello sviluppo cerebrale.

L’intervento è stato eseguito utilizzando tre microcateteri dello spessore di una frazione di millimetro che sono stati inseriti nell’arteria femorale: una tecnica mini-invasiva che ha scongiurato l’ipotesi di un intervento cerebrale.

Attraverso la gamba del neonato i minicateteri guidati dai chirurghi hanno infatti raggiunto la malformazione cerebrale e qui sono riusciti a occludere i punti anomali e a ripristinare il normale flusso del sangue nel cervello. Rapido e insperato il recupero del bambino che nel giro di un mese ha avuto un netto miglioramento della capacità motorie e relazionali con enormi progressi nel suo normale sviluppo naturale.

L’ottimo lavoro effettuato dal gruppo di medici sarà ora portato avanti da attività riabilitative mirate. Ma le possibilità che questo neonato possa un giorno trascorrere una vita normale sono molto alte. Un grande sostegno è venuto e verrà anche dall’ambulatorio specializzato nelle malattie cerebro-vascolari diretto dalla dottoressa Agnese Suppiej presente nel dipartimento di Pediatria della stessa struttura.

© Riproduzione Riservata

Commenti