Dieta: assolti gli eccessi del weekend

Qualche strappo al sabato sera se lo concedono tutti, ma nel complesso a decidere se i chili aumentano o diminuiscono è come mangiamo in settimana

– Credits: iStockphoto

Marta Buonadonna

-

Concedersi qualche strappo è la regola numero uno per poter mantenere costante nel tempo il proposito di dimagrire. Fatalmente è nei giorni del fine settimana che si tende a mangiare di più, uscendo con gli amici o restando in famiglia. Ma non sono gli eccessi del weekend a decretare il successo o il fallimento di una dieta, bensì il comportamento alimentare tenuto negli altri 5 giorni della settimana. Lo sostiene uno studio condotto da un team della Cornell University, in collaborazione con l'Università di Tecnologia di Tampere in Finlandia, che ha analizzato i ritmi dell'aumento e della perdita di peso di 80 adulti tra i 55 e i 62 anni.

Divisi in tre categorie a seconda se perdevano peso, lo acquistavano o lo mantenevano stabile nel corso dell'osservazione, i partecipanti dovevano pesarsi ogni giorno prima di colazione. Solo le pesate effettuate per almeno 7 giorni consecutivi venivano tenute in considerazione ai fini della ricerca, e il tempo di follow-up è andato da un minimo di 15 giorni a un massimo di 330. Gli studiosi hanno potuto analizzare l'andamento del peso nel corso della settimana per capire quali errori commettevano coloro che tendevano a mettere su chili rispetto a chi invece li perdeva o restava di peso costante.

L'andamento generale indica che le persone tendono a prendere peso nel weekend (i valori più alti si registrano infatti di domenica e di lunedì), e a perderlo nel corso della settimana lavorativa. Ma in queste fluttuazioni gli autori hanno notato una sostanziale differenza tra chi ingrassa e chi dimagrisce. Mentre questi ultimi mostrano una forte tendenza a compensare gli eccessi del weekend, cominciando a perdere peso già a inizio settimana per toccare il massimo del dimagrimento il venerdì, gli altri non presentano un andamento altrettanto costante.

Questo spinge Brian Wansink, economista comportamentale della Cornell, tra gli autori dello studio pubblicato su Obesity Facts, a sostenere che le "variazioni di peso tra giorni feriali e fine settimana dovrebbero essere considerate normali, non come il sintomo di un aumento di peso. La grande differenza tra coloro che prendono peso nel tempo e chi lo perde o lo mantiene è direttamente correlata al modo in cui mangiano da lunedì a venerdì. Concedersi qualche caloria in più durante i weekend non fa male, ma per il successo della dieta è importante notare questi ritmi e prendere provvedimenti per invertire la tendenza al rialzo dopo il fine settimana".

© Riproduzione Riservata

Commenti