polvere
Scienza

Chiedi alla polvere: ecco cosa dice di te

Migliaia di microrganismi vivono in ogni casa e danno informazioni sui suoi abitanti

Abituati come siamo agli scienziati di CSI, che da una fibra di tessuto scovata nella fuga di una piastrella trovano la chiave per incastrare l'assassino, non dovrebbe stupirci la constatazione che dalla polvere di casa si possano desumere parecchie cose sulla sua posizione e perfino sui suoi abitanti. Lo certifica uno studio appena pubblicato su Proceedings of the Royal Society B nel quale due gruppi di ricercatori della North Carolina State University e dell'Università del Colorado-Boulder hanno esaminato campioni di polvere prelevati da 1.200 case sparse in tutto il territorio degli Stati Uniti, facendo scoperte molto interessanti.

Per prima cosa, farà forse rabbrividire i maniaci della pulizia sapere che in media ogni casa contiene più di 5.000 specie diverse di batteri e circa 2.000 specie di funghi. "Ogni giorno, siamo circondati da una vasta gamma di organismi nelle nostre case, la maggior parte dei quali sono per noi invisibili", spiega Noah Fierer, professore associato presso il Dipartimento di Ecologia e Biologia Evolutiva dell'Università del Colorado-Boulder e un coautore dello studio. "Viviamo in uno zoo microbico, e questo studio è stato un tentativo di catalogare questa diversità".

Che tipo di informazioni può fornire il variegato zoo con cui coabitiamo senza rendercene conto? I funghi dicono molto sulla collocazione geografica della casa: la tipologia cambia col variare della posizione. Dai microbi presenti nella polvere, invece, i ricercatori potrebbero predire quali case ospitano animali domestici come cani o gatti e, in misura minore, il genere di appartenenza dei residenti. Le case abitate solo da maschi, per esempio, presentano un mix batterico diverso rispetto a quelle dove convivono maschi e femmine.

"I nostri corpi", precisa Fierer, "sono chiaramente la fonte di molti dei batteri che finiscono nelle nostre case". In quelle con più uomini che donne si trovano grandi quantità di batteri fecali e della pelle (Roseburia, Corynebacterium e Dermabacter), mentre in quelle con più donne predominano i batteri vaginali (Lactobacillus), che in qualche modo finiscono nella polvere di casa. Gli indumenti evidentemente non sono in grado di contenere pienamente la diffusione dei microrganismi prodotti dal nostro corpo.

Che male possono farci tutti questi invisibili coinquilini? In realtà di alcuni è nota la funzione protettiva. Il Lactobacillus, per esempio, dovrebbe proteggere contro allergie e asma, in base a quanto scoperto da ricerche precedenti, ma saranno necessari ulteriori studi per confermare come questo, e altri batteri trovati nella polvere, influiscano sulla salute umana.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti