Altro che trattori. Il futuro dell'agricolura passa per l'innovazione tecnologica spinta. È quello a cui aspirano Mattia Dall'Orto e Filippo Carletti vincitori del concorso, dedicato alle start-up, promosso da Panorama d'Italia, "90 secondi per spiccare il volo".

Leaf nasce nel 2015 con l'idea di sviluppare ed introdurre nuovi sistemi di gestione innovativa del sistema vitivinicolo percorrendo la strada del miglioramento dell'efficienza ambientale ed economica dell'impresa.


"È una bella sfida - dice Filippo - il comparto agricolo è molto legato alla tradizione. Riuscire a far comprendere come l'innovazione tecnologica possa aiutare a produrre un vino o un olio migliore è difficile". Un po' come è accaduto con i computer o le app. "Oggi tutti noi le usiamo in maniera disinvolta perchè sono sistemi intuitivi. Ecco, Leaf intende fare proprio questo: accompagnare gli agricoltori e tutti coloro che lavorano in questo settore a cambiare radicalmente mentalità e a diventare interconnessi".

Il mondo agricolo, sottolineano i fondatori di Leaf, ha tanto da imparare in questo campo: "Soprattutto le piccole aziende, quelle con meno di 10 ettari di terreno, faticano a innovarsi. È una strada difficile, ma noi intendiamo percorrerla per diffondere sempre più la conoscenza tecnologica".

E in parte i due soci ci sono già riusciti: "Abbiamo appena saputo che è passato un nostro progetto regionale per digitalizzare i vigneti. E non sto parlando di è fantascienza. Si tratta di realizzare mappe in 3D con le diverse esposizioni delle piante seguendo la morfologia del terreno. È un sistema utile per la coltivazione mirata e per individuare più facilmente i sistemi di difesa indispensabili in qualsiasi colvitazione".

LEGGI ANCHE: Le due start-up che hanno partecipato al concorso


Non possono che essere soddisfatti Mattia e Filippo: "È proprio una gran bella giornata. Ma restiamo una start-up e abbiamo bisogno di tutto per continuare il nostro lavoro". Ora la vittoria del concorso di Panorama d'Italia consentirà a Leaf di portare a casa "una cassetta degli attrezzi" virtuale: una patente informatica europea offerta dall'universita telematica Pegaso, un modem 4G offerto da Telecom Italia, una consulenza di Fernando Napoltitano, amministratore delegato della societa americana Italian business and investment initiative e una piattaforma Cloud-BlueMix offerta da Ibm.

© Riproduzione Riservata

Commenti