Ombrelli d'oro per gli emiri
Alberto Bevilacqua
Ombrelli d'oro per gli emiri
Panorama d’Italia 2016

Ombrelli d'oro per gli emiri

Pasotti produce solo 25 mila parapioggia all'anno. Di lusso

Lo stabilimento che accoglie l'impresa Pasotti sembra un'antica sartoria: macchine da cucire, fili colorati, tessuti in quantità riposti ordinatamente negli scaffali lungo le pareti. È qui, in questo angolo di Lombardia, che vengono prodotti 25 mila ombrelli di lusso ogni anno. "La ditta è stata fondata dai miei genitori nel 1956, abbiamo avuto fino a 100 dipendenti" racconta Eva Giacomini "poi la concorrenza, soprattutto quella cinese, ci ha costretto a ridimensionarci". E oggi è proprio la Cina il mercato di riferimento insieme al Nord America, alla Russia e ai Paesi arabi.

- LEGGI ANCHE: Panorama d'Italia a Mantova, 4 giorni di eventi tutti da scoprire

"Abbiamo puntato molto sull'estero grazie all'intuizione di mio figlio Nicola, mentre Marco, il più piccolo, si occupa della produzione e dello sviluppo dello shopping online che sta dando grandi risultati". La richiesta più bizzarra,e più costosa, è stata quella di un sultano: 20 ombrelli di pizzo pregiatissimo con impugnatura d'oro tempestata di pietre preziose. Ma ce n'è davvero per tutti i gusti, anche se non per tutte le tasche. Il prezzo varia a seconda del tessuto (sempre doppio, un colore fuori e l'altro dentro) e dell'impugnatura (sono tutte smaltate a mano) e il costo diventa vertiginoso quando vengono applicati gli Swarovski: un modello ne ha addirittura 240. "La nostra forza" sottolinea la signora Giacomini "è l'artigianalità del prodotto e il made in Italy tanto apprezzato fuori dai nostri confini. Per noi la serietà e la qualità di ciò che realizziamo è motivo di vanto".

Ti potrebbe piacere anche

I più letti