Le start-up di Macerata - I video

OCM, Spot The Differences, Coho, Creaticity: le idee di impresa candidate al premio "90 secondi per spiccare il volo"

Start-up

– Credits: Thinkstock

Redazione

-

Ecco le quattro start-up del territorio marchigiano che si sono candidate a vincere il concorso "90 secondi per spiccare il volo" bandito da Panorama d'Italia in tutte e 10 le città tappa del tour.

- LEGGI ANCHE: Come partecipare al concorso
- LEGGI ANCHE: Accadermica, la start-up vincitrice del concorso a Genova
- LEGGI ANCHE: I candidati di Genova

Sono OCM, Spot The Differences, COHO, Creaticity.

La prima, Officine Creative Marchigiane è la prima start up innovativa di Pesaro. Un team di ingegneri, programmatori ed esperti di comunicazione opera nell’ambito della tecnologia open-source fornendo servizi di assistenza ad artigiani, PMI e aziende sostenendole nell’elaborazione di prodotti innovativi ad alto potenziale tecnologico di cui potrebbero avvantaggiarsi.

OCM si trova ubicata all’interno del distretto industriale di Pesaro negli spazi dell’Innovation District 106 (ID106) con uno spazio di co-working suddiviso in box e desk tra OCM, BP Cube incubatore di start up certificato dal Ministero dello Sviluppo Economico e Co.meta, ente di formazione.

Spot the differences, invece, nasce dall'originale incontro di diverse competenze: l'associazione Osservatorio di genere e l'associazione Moebius con esperienza nel campo dei disturbi dell'apprendimento da una parte e la start up innovativa DigiTales dall’altra.
Spot the differences è un progetto riguardante la realizzazione di un’applicazione videoludica che permetta ai bambini di migliorare le loro capacità di apprendimento attraverso i Videogiochi. Nello specifico si tratta di una avventura grafica vera e propria, che incorpora al suo interno delle “quest” specifiche riguardanti la comprensione del testo.

Il videogioco nasce come strumento di supporto alla cura della sindrome DSA (Disturbi Specifici dell’apprendimento)

Infine c'è COHO, società nata da un gruppo di professionisti per lo sviluppo di progetti edilizi comunitari, economicamente ed ecologicamente sostenibili, finalizzati al miglioramento della qualità della vita e delle relazioni sociali. In poche parole, COHO tenta di recuperare il patrimonio pubblico e privato in disuso per dare vita a nuovi spazi di lavoro e di condivisione culturale e sociale a basso costo.

La quarta start-up candiadata è Creaticity, un laboratorio di ricerca e sviluppo. Il fondatore, Paolo Isabettini, ha creato il primo FabLab delle Marche e dai suoi uffici lavora per terzi che assegnano a Creaticity la progettazione, la creazione e la campagna di marketing di un'idea.

© Riproduzione Riservata

Commenti