Sardex
Cagliari

Più credito per tutti con il Sardex

Un sistema permette alle aziende di scambiare beni e servizi

 Erano cinque amici neolaureati al bar. Un tavolo, qualche birra, tante idee. E la speranza di non emigrare da Serramanna, piccolo paese del Medio Campidano, alle spalle di Cagliari: una delle zone con la più alta disoccupazione giovanile d'Italia. Volevano aiutare l'economia della loro terra e ci sono riusciti.

- IL PROGRAMMA DELLA TAPPA DI PANORAMA D'ITALIA A CAGLIARI

Nel 2010, dopo aver racimolato 10 mila euro, hanno fondato Sardex: un sistema di mutuo credito che permette alle aziende di scambiare beni e servizi. Un mondo commerciale in cui non esiste l'euro, ma una valuta complementare e virtuale: il Sardex, appunto. "Adesso, solo in Sardegna, sono più di 3.500 le imprese iscritte" racconta Gabriele Littera, 31 anni, uno dei fondatori. "Chi paga un fornitore in Sardex libera risorse: per saldare le tasse o un debito, per esempio. Non ci sovrapponiamo a quello che esiste: siamo un mercato aggiuntivo".

Il sistema è stato adottato anche in altre dieci regioni. Carlo Mancosu, 36 anni, un altro dei fondatori, spiega: "A partire dal 2013 il circuito s'è esteso: dall'Umbria, dove si chiama Umbrex, al Piemonte, dove è nato il Piemex". In Italia ci sono ormai più di 7 mila imprese associate: generano transazioni per 100 milioni di euro all'anno. Tanto che, dalla banca centrale dell'Ecuador all'Università di Yale, stanno studiando la sbalorditiva idea venuta a cinque amici in un bar di Serramanna

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cagliari, il futuro è adesso

Imprenditoria giovanile e nuove imprese, tecnologia applicata a vecchi mestieri e il solito traino del turismo. Così il capoluogo sardo continua a crescere

Commenti