10 SEP 2016 - Cagliari - Yenetics: Chiara Saba e Amit Kumar.
Cagliari

Il test prenatale è affidabile e non invasivo

Una start-up ha elaborato Yenetics, metodo che dal 2017 permetterà di individuare 100 malattie genetiche

Elettrica, sorridente, pronta a tutto. Chiara Saba insieme con Amit Kumar, fisico indiano, ha fondato Yenetics, start-up biomedica, con un obiettivo ambizioso: realizzare il miglior test non invasivo prenatale in grado di individuare 100 malattie genetiche, disponibile in soli sette giorni e con un'affidabilità del 99 per cento.

- IL PROGRAMMA DELLA TAPPA DI PANORAMA D'ITALIA A CAGLIARI

Yenetics, nata lo scorso febbraio, ha già fatto incetta di premi. L'ultima vittoria, all'inizio dell'estate, all'edizione italiana di Start Tel Aviv 2016 grazie alla quale il progetto verrà presentato nell'hub israeliano di tecnologia davanti a una platea di possibili finanziatori: "La nostra forza" sottolinea Chiara Saba, formatasi alla Bocconi, esperta di economia "sono le due competenze, biotecnologica e finanziaria". Produrre il prototipo costerà 350 mila euro. «Al momento lavoriamo al Crs4, centro di ricerca all'avanguardia» dice Amit Kumar "dove c'è il sequenziatore di Dna più potente in Italia".

La sperimentazione è stata approvata: inizierà in autunno e si concluderà alla fine della primavera. Nel giugno del 2017 il prodotto sarà pronto. "Il test si realizza con un esame del sangue sia della madre che del padre" spiega Chiara Saba "e si potrebbe effettuare già tra la decima e la dodicesima settimana di gestazione. Quello che noi proponiamo è la nuova frontiera dei test prenatali".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cagliari, il futuro è adesso

Imprenditoria giovanile e nuove imprese, tecnologia applicata a vecchi mestieri e il solito traino del turismo. Così il capoluogo sardo continua a crescere

Commenti