Focus raddoppia. A Cagliari il primo evento di Panorama d’Italia è stato accolto da una folla senza precedenti. L’appuntamento con il magazine scientifico dedicato allo spazio era attesissimo tanto che è stato necessario un bis serale per accontentare tutti gli oltre mille appassionati.

In viaggio nel sistema solare

Il direttore di Focus, Jacopo Loredan, e l’astronauta italiano, Umberto Guidoni, hanno preso il pubblico per mano portandolo in un viaggio straordinario dentro il sistema solare. “Stiamo assistendo a un cambiamento epocale - dice Guidoni - pensate che Elon Musk, il tycoon che ha creato PayPal, ha proposto un sistema di trasporto interplanetario, che spera di realizzare entro il 2020, per portare i primi turisti sul pianeta rosso. Forse è un po’ ottimista, ma questa non è più fantascienza. Parliamo di un’astronave vera e propria, molto grande, che potrà trasportare 100 passeggeri. Le difficoltà tecniche sono notevoli, ma il fatto importante è che qualcuno sia disposto a metterci dei soldi. E ce ne vogliono davvero tanti”.

Mercurio e gli altri pianeti

Di sicuro, precisa Loredan, su Mercurio non si potrebbe fare un viaggio di questo tipo perché è troppo vicino al sole. Neanche su Venere sarebbe possibile perché se è vero che, per tante ragioni, è il pianeta gemello della terra, in passato ha subìto un effetto serra che ha prodotto un riscaldamento abnorme, facendolo diventare addirittura più caldo di Mercurio. “Su Marte invece non c’è effetto serra - chiarisce Guidoni - perché ha perso la sua atmosfera ad opera del vento solare”. Marte è oggetto di due missioni “una in atto, mentre l’altra partirà nel 2018. Sul pianeta si cercano tracce di vita, si cerca l’acqua”.

Giove e le sue lune

Su una delle lune di Giove, Europa, “c’è ghiaccio, abbiamo sempre pensato che sotto ci fosse acqua liquida e invece si è scoperto che c’è proprio un gaiser di acqua, salata, e ci sono le condizioni che c’erano sulla terra quando si è formata la vita”. Giove, invece, è molto inospitale, ci sono grandi quantità di radiazioni, avrebbe potuto essere una stella. La sonda Juno, entrata nella sua orbita, ci darà informazioni preziose e nel febbraio 2018 si disintegrerà avvicinandosi al cuore del pianeta e trasmettendo le sue ultime immagini “forse le più attese”.

L’esperienza di Guidoni nello spazio

“È un periodo molto interessante, quello attuale, per le scoperte spaziali”, sottolinea Loredan. E Umberto Guidoni che nello spazio c’è stato per davvero incanta il pubblico raccontando la sua esperienza accompagnato da immagini emozionanti con la partenza dello shuttle, la vita nella stazione e le straordinarie immagini della terra.

Lo spazio con la app per smartphone

A questo punto, il direttore di Focus sposta, letteralmente, il focus sulla realtà, seppure virtuale, introducendo l'esperienza di virtual reality resa possibile dalla Cardboard e dalla app per smartphone realizzate ad hoc dal magazine per i partecipanti all'evento. Indossando la particolare mascherina, senza alzarsi dalla sedia, il pubblico ha potuto esplorare la Stazione Spaziale Internazionale che orbita a 400 km dalla superficie terrestre a 28.000 km/h e curiosarci dentro mettendo il naso nelle stanze private degli astronauti, nelle aree ricreative, nei vari moduli e poi fuori, tutt’intorno, per un’esplorazione spaziale molto particolare.

© Riproduzione Riservata

Commenti