Vicenza

Panettone da esportazione

Dario Loison vende dolci in tutto il mondo e fattura più di sette milioni di euro

19 MAR 2015 - Motta di Costabissara (VI) - Dario Loison, Dolciaria A. Loison.

Antonio Rossitto

-

Dietro all’insegna c’è una storia vera. Quella del nonno Tranquillo, che nel 1938 apre il suo forno a Costabissara e trasmette al figlio Alessandro l’amore per l’arte della panificazione. E poi la sua, quella di Dario Loison, che nel 1992 rileva l’azienda dal padre e decide di produrre solo dolci d’altissima qualità da esportare. Ora i suoi panettoni e le colombe pasquali si trovano da Fauchon in Francia, da Kaefer in Germania, da Great Food Hall in Cina, e per tre anni sono stati la prima referenza dolciaria di Eataly. “Sono nato sopra il forno, amo fare il pasticcere, ma la mia grande fortuna è stata girare il mondo per lavoro e poter applicare quello che ho imparato”. Quando rilevò il marchio, Loison era un’azienda da 1,5 miliardi di lire che vendeva dolci in Veneto. Ora il fatturato ha superato i 7 milioni di euro e metà della produzione va in 60 Paesi, soprattutto Francia, Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna. “È stato proprio questo il Paese dove ho presentato per la prima volta il mio prodotto: parlavo in inglese con chi aveva inventato il marketing” racconta. Grazie alla sua intraprendenza, è finito sui libri di management e nelle università a raccontare la storia di un’azienda artigianale che con qualità e innovazione esporta in tutto il mondo. “Nel 1996 il mio sito era di sei pagine e ho venduto due panettoni” continua Loison. Da allora la crescita all’estero, a parte un paio di fiere molto importanti, è gestita via web, è un riferimento per i gourmet che amano il panettone e le sue inconsuete farciture: dal mandarino tardivo di Ciaculli alla vaniglia del Madagascar. Ora bisogna riempire i mesi in cui la produzione è più bassa: Loison sta lanciando le lattine di biscotti al burro, mentre per la distribuzione l’obiettivo è l’apertura di corner in negozi di alto livello e grandi magazzini. Poi magari Loison si concederà anche il lusso di un nuovo socio

© Riproduzione Riservata

Commenti