Gianni Poglio

-

"Tra pochi giorni, il 2 dicembre, festeggerò un anno incredibile. Non me ne ero quasi reso conto ma tanto è passato dalla vittoria a X Factor 2014. Poi c'è stato il Festival di Sanremo e il mio primo album, 1995, che ha conquistato il disco d'oro" racconta Lorenzo Fragola davanti alla folla di fan che lo ha accolto a Palermo al teatro Rouge et Noir nell'ultima tappa del Panorama d'Italia Tour.

Reagire alla paura

"Giusto giovedì sera" racconta " ero in diretta a X Factor insieme ai vincitori delle scorse edizioni per una versione a più voci di Imagine di John Lennon. Un omaggio alle vittime della strage di Parigi. Quel che è successo è sconvolgente. L'obiettivo dei terroristi che uccidono senza pietà è seminare una paura strisciante. Insinuare l'idea che non si è mai al sicuro. Ma a questo bisogna reagire vivendo".

Il tour

Fragola sarà ad Acireale il 20 dicembre per chiudere il tour che lo ha visto protagonista in diverse città italiane. E a giudicare dall'accoglienza dei fan palermitani c'è da scommettere che sarà un successo. "Fare musica oggi a 20 anni è molto più difficile che in passato. Le case discografiche e gli addetti ai lavori si rifanno spesso ai grandi della musica italiana e non degli anni Settanta ed Ottanta. Sono loro gli standard di riferimento e credo sia chiaro quanto possa essere complicato confrontarsi con carriere pazzesche come quelle dei cantautori di quella generazione", spiega. "Io su un palco mi ci sono trovato. Quando ho iniziato a scrivere musica la mia ambizione non era esibirmi. Ho lavorato molto nella mia cameretta. Poi, ho deciso di provarci partecipando a X Factor ed è andata bene".

Musica per la Disney

Difficile dire il contrario visto che perfino Disney Pixar si è accorta della sua musica e del suo talento: nella colonna sonora del nuovo kolossal di animazione, Il viaggio di Arlo, c'è infatti un suo brano: La nostra vita è oggi. Scherza ride, dialoga con i fan presenti ("se non avessi fatto il cantante? avrei voluto fare il calciatore, ma credo che alla fine sarei diventato un giornalista") Lorenzo prima di imbracciare la chitarra per una mini performance acustica di rara intensità che include i suoi brani ma anche una raffinatissima versione di Crazy, l'hit mondiale dei Gnarls  Barkley, un pezzo disco soul riproposto a Panorama d'Italia da Lorenzo in versione unplugged. Bellissima. Applausi a scena aperta e poi il rito degli autografi con "assalto" al palco dei tanti fan presenti. Un trionfo. Alla prossima, Lorenzo.

© Riproduzione Riservata

Commenti