Matera

Una casa (netural) per realizzare i sogni imprenditoriali

Il coworking e il coliving di Mariella Stella e Andrea Paoletti sono trait d'union tra le startup e il mondo degli incubatori d'impresa

netural-matera

Antonella Piperno

-

Dimenticate il coworking dove si affittano scrivanie. A "Casa netural" Mariella Stella, 37 anni, funzionario pubblico, e Andrea Paoletti, 35 anni architetto specializzato in spazi di collaborazione, hanno allestito "un ambiente domestico e mentale dove chi coltiva un sogno imprenditoriale non si senta più solo". Un trait d’union ecosostenibile, insomma, tra chi ha un’idea nel cassetto e il mondo degli incubatori di impresa.

Insediatasi tre anni fa in pieno centro storico vista Sassi, adesso la coppia ha trasferito Casa Netural nel quartiere popolare Villalongo. "Quello era un luogo elitario, ora la sfida è andare dove puoi cambiare la vita alla gente".  I quattro piani distribuiti su 250 metri quadri, con prezzi da "comune per innovatori" offrono "coworking", (con wifi, videoproiettore, scanner e stampante) e  "coliving" dedicato a free lance e a team di startup in cerca di luoghi dove accasarsi per concentrarsi sui loro progetti.

Ma il vero core business è l’incubatore di sogni, dove, "per evitare la morte precoce di tante startup dopo il finanziamento" il sogno professionale viene prima scritto dal suo autore, poi sottoposto all’analisi di mercato degli esperti, alla sperimentazione e così via. Incubazioni che, a cura di un pool di esperti, durano anche un anno e che hanno dato vita a progetti come "Netural talk" un corso di lingue giocoso, senza lavagne, "Netural family" dove madri lucane disoccupate hanno ideato "Mammatera", brand artigianale di prodotti per bambini e "Fantalucania", laboratorio di arte e creatività. La formula prevede che i progetti restino  all’interno di Casa netural e l’ideatore ne diventi coordinatore. E funziona, visto che sui venti elaborati in tre anni se ne è fermato soltanto uno.

© Riproduzione Riservata

Commenti