10 MAR 2017 - Torino - Mattioli Gioielli - Licia Mattioli
Torino

I gioielli 4.0 dell'azienda Mattioli di Torino

La formula è semplice: profitti in crescita e rilancio grazie a principi di ottimizzazione industriale in anticipo sui tempi

Un esempio ben riuscito di azienda 4.0? Entrare in Mattioli spa, azienda che produce gioielli di alta gamma. Il punto interessante è che Mattioli ha introdotto i principi dell’ottimizzazione industriale, produttiva e gestionale che il digitale oggi propone una ventina di anni fa. 

Pare strano, eppure è quello che è successo dopo l’acquisizione da parte dell’ingegner Luciano Mattioli dell’Antica Ditta Marchisio, fondata nel 1860 e titolare del primo punzone rilasciato a Torino (1 TO).

Era il 1995 e Mattioli, già alto dirigente in Pirelli, si fa affiancare nella gestione dalla figlia introducendo processi e metodologie industriali. Licia Mattioli ne resta amministratore delegato sino al 2013, quando una parte dell’azienda viene ceduta al colosso Richmond per ripartire con uno spin off e continuare a gestire il proprio brand.

E la storia si ripete: la prima start-up partiva con 20 persone ed era arrivata a 600. La seconda è ripartita da venti e dopo tre anni è arrivata a 100 dipendenti per 25 milioni di ricavi. Licia Mattioli, 50 anni, è ancora Ceo (nonché vicepresidente di Confindustria per l’internazionalizzazione) e suo padre presidente. "Il nostro segreto? Aver portato la competenza industriale di mio padre in un’azienda artigiana, rivoluzionandola. Tutti i processi sono stati ottimizzati a favore di una produzione efficiente, rapida e meno costosa. Proprio come vuole l’industria 4.0".

L’export di Mattioli oggi è pari all’85 per cento. Mercati di riferimento sono Giappone e Stati Uniti, "ma puntiamo a rafforzare ulteriormente anche la nostra posizione in Europa".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti