Gianni Poglio

-

“Ricorderò sempre il 1° gennaio 1996: è il giorno in cui Videomusic ha trasmesso il video del mio brano Quel che fa paura. Ero con gli amici Gianmarco Tognazzi e Sergio Cammariere. Fu un momento speciale, l'inizio di una avventura che mi ha portato fin qui". Parola di Max Gazzè, ospite di Panorama d'Italia al Forum Music Village di Roma.

Il 2 settembre all'Arena di Verona è andato in scena l'ultimo show del tour dedicato al suo ultimo lavoro, Alchemaya, un album-gioiello nel segno del pop sinfonico e del progressive rock. "Il prossimo passo è un tour in Europa con una formazione a quattro: basso, batteria, chitarra e tastiere. Una formazione essenziale ma efficace. A differenza dei concerti che ho appena concluso accompagnato da un'orchestra, non dovrò far atro che attaccare il basso all'amplificatore e accendere il microfono. Suoneremo la versione originale dell’intero disco La favola di Adamo ed Eva, uscito nel 1998" spiega. “Ho la mente aperta e cerco di ascoltare tutto per capire in che direzione sta andando la musica. È un momento di grande cambiamento. Mia figlia ad esempio mi ha fatto scoprire Sfera Ebbasta”.

Musicista ma non solo. Tra le passioni di Max ci sono le immersioni subacquee: "A fine ottobre andrò in Madagascar per osservare da vicino il passaggio dello squalo-balena. Adoro le discipline individuali, fatte di contemplazione e concentrazione. Viceversa non sono portato per le attività di squadra. A calcio non sono esattamente un campione. Quando mi arriva la palla mi agito tutto come se fossi Carla Fracci" dice.

Completamente diverso, invece, l'approccio al volante e alle macchina da corsa: "Sì, ho avuto la fortuna di provare l’auto con cui Alonso ha vinto il campionato Mondiale nel 2005, la macchina più veloce di sempre della Formula 1. In realtà, quello che mi attrae di queste vetture non è la velocità. Ho un approccio zen: adoro entrare nell’abitacolo, percepire la strada, la distanza, il punto di frenata il telaio, lo spostamento d’aria”.

In chiusura un’ultima considerazione sul ruolo della musica nella vita di ognuno di noi: "La musica è un linguaggio diretto che arriva direttamente alle cellule, nata come un tentativo meraviglioso di imitare il suono della natura. L’essere umano è circondato dalla musica e dai suoni anche a livello cosmico: non a caso quel che tiene unita la materia è il rumore dell’universo, il continuo procedere del big bang. Come i pesci nell’acqua, tutti noi siamo immersi nel suono”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Max Gazzè tra suoni e immersioni: "Vi racconto la colonna sonora della mia vita"

La musica, i fondali marini, i Monty Python e un grande album di pop sinfonico. A Panorama d'Italia il 26 settembre: ore 21, Forum Music Village

Consoli, Gazzè e Silvestri: “Collisioni a Roma” è un esperimento riuscito

Il concerto del trio, andato in scena per la prima volta al Festival di Barolo, è ospitato fino al 30 dicembre all'Auditorium Parco della Musica di Roma

Lasciami per sempre, tragicommedia famigliare con Max Gazzè - Video

Simona Izzo dirige un film corale, dal 20 aprile al cinema. Con Barbora Bobulova

Max Gazzè convince nell'esperimento "Alchemaya" - Recensione

L'opera "sintonica", che unisce classica ed sintetizzatori, ha debuttato con successo al Teatro dell'Opera di Roma

Commenti