Il buonsenso vince su tutto. Ma non c’è dubbio che lo stile di vita abbia un peso fondamentale. Anche nell’alimentazione. Dei miti da sfatare e di suggerimenti per un pasto corretto si è parlato con Focus nell’appuntamento “La salute nel piatto” nell’ambito della tappa di Panorama d’Italia a Olbia.

 

Oggi sulla terra vengono prodotte 2.200 calorie a testa, ma non sono distribuite a tutti nello stesso modo: “bisogna lavorare sugli sprechi per una più equa distribuzione - dice subito Enzo Spisni, docente di fisiologia della nutrizione dell’Università degli Studi di Bologna - e l’organizzazione nella propria alimentazione aiuta a limitarli”.

La scelta degli alimenti

È importante, affermano all’unisono gli esperti ospiti di Focus, saper scegliere gli alimenti puntando su prodotti di stagione e il più possibile a chilometro zero perché “così la filiera è facilmente controllabile ed evitiamo di ingerire sostanze dannose per l’organismo come i pesticidi molto usati in altri paesi”.

La base della piramide alimentare, precisa Carla Lertola, medico specialista in scienza dell’alimentazione, riguarda proprio la stagionalità e i prodotti locali. Un po’ per la tutela maggiore, un po’ perché se la raccolta della frutta avviene alla fine della maturazione sull’albero, il prodotto è più ricco di quelle vitamine che fanno bene all’organismo”.

Il rapporto con il cibo

Ricordiamo sempre, interviene la dietista Valentina Bolli, che il rapporto con il cibo è importante sia dal punto di vista fisico che psicologico: “portate i vostri bambini al supermercato, sensibilizzateli sulle scelte, fateli partecipi di questo aspetto della vita e, quando potete, coinvolgeteli anche nella preparazione del pasto. Da grandi avranno un rapporto più equilibrato con l’alimentazione”

Il cibo non deve diventare un’ossessione, specialmente nell’adolescenza: “diamogli sempre il giusto peso - dice Carla Lertola - La parola "dieta" deriva dal greco e significa "stile di vita". Ricordiamocelo sempre”.

L’associazione Robin Foood

Il nostro approccio verso l’alimentazione deve essere di apertura e di aiuto verso gli altri. Non sprecare è la parola d’ordine dell’associazione Robin Foood. Spiega Carla Lertola: “confezioniamo pacchi alimentari su misura per i poveri che più di altri hanno bisogno di nutrirsi in maniera corretta. Perché il cibo è condivisione. Di questo siamo profondamente convinti”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti