È stato un grande ritorno quello di Panorama d'Italia a Milano. Dopo la prima tappa nella città avvenuta nel 2016, il tour del settimanale Panorama ha portato, sia sul palco dei teatri che all'interno degli spazi culturali meneghini, i protagonisti principali della scena letteraria contemporanea. In una settimana di eventi (dal 15 al 21 ottobre), che hanno riscosso un enorme successo di pubblico, si sono alternate attraverso numerose interviste le "penne" e i volti celebri, quali Nicholas Sparks, Alfonso Signorini, Gabriele Lavia, Sveva Casati Modignani. Solo per citarne alcuni.

E la settmana milanese è partita proprio con Nicholas Sparks, ospite della prima giornata di Panorama d’Italia. Lo scrittore americano, con oltre 105 milioni di copie vendute nel mondo, ha raccontato di sé a una platea attenta e divertita regalando anche aneddoti sulla propria gavetta, oltre che qualche chicca sul suo ultimo romanzo, La vita in due (Sperling & Kupfer).

Il concerto di Fryderyk Chopin a Parigi di Henryk Siemiradzki ha fatto da sfondo alla serata di Panorama d'Italia dedicata alla musica e alla letteratura. Ospite Alfonso Signorini, che proprio di Chopin ha fatto oggetto del suo ultimo libro, Ciò che non muore mai. Il romanzo di Chopin, edito da Mondadori.

Tra i tanti appuntamenti di Panorama d'Italia con la letteratura c'è stato l’incontro dal titolo "Il sapere degli italiani", alla libreria Mondadori di piazza del Duomo, dove a essere interrogati sugli italiani e il loro rapporto con la lingua e la cultura c'erano tre ospiti più che titolati: Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca che per l'occasione ha presentato il suo libro La lezione di italiano (Mondadori); Giulio Giorello, filosofo della scienza e Licia Troisi, scrittrice di romanzi fantasy e con una formazione da astrofisica.

Tra storie più o meno sanguinose e aneddoti di vita vissuta, a Panorama d'Italia Massimo Picozzi, ospite di uno dei Grandi Eventi di Focus nella veste di scrittore, ha presentato il suo nuovo libro Mente Criminale. Storie di delitti e assassini

Psichiatra, criminologo, volto televisivo e una voce radiofonica, con la sua antologia ha portato alla luce intrighi, misteri, doppie vite in 336 pagine che compongono una serie di perfetti cold case ultra-vintage.

Ripercorrendo 56 anni di carriera tra cinema e teatro, Gabriele Lavia, ha portato a Milano il suo Se vuoi essere contemporaneo, leggi i classici, edito da Piemme.

Da Omero fino a Pasolini, il libro di Lavia propone spunti per riflettere non solo su quella che è la sua autobiografia culturale ma su alcuni testi che, come afferma l'artista, sono il "nocciolo della nostra identità". Quindi da leggere, conoscere, apprezzare assolutamente.


Ha chiuso il ciclo letterario di Panorama d'Italia Sveva Casati Modignani, grazie alla quale, come ha esordito il direttore di Panorama Giorgio Mulè all'inizio dell'intervista: "Il nostro tour è iniziato con un asso ed è finito con un altro asso”.

Dopo il successo di Nicholas Sparks, nel gremito Teatro San Babila, la scrittrice ha presentato il suo nuovo romanzo Festa di famiglia (edito da Sperling & Kupfer). Lei, bandiera della letteratura, è arrivata a contare oltre 12 milioni di copie vendute. Numeri che dimostrano l'affetto dei suoi lettori a ogni sua pubblicazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti