Sergio Luciano

-

“Sì, ci sono due anime economiche e anche sociali, che coesistono bene nella nostra città: il business e il turismo”. Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, accoglie con cordialità e simpatia il tour di Panorama d’Italia aprendo nella grande piazza Vittorio Veneto la tappa bergamasca col direttore di Panorama Raffaele Leone all’Infopoint di Panorama.

E business e turismo sono due tra i tanti argomenti dei venti eventi che Panorama d’Italia offre alla città in quattro giorni. “Abbiamo sviluppato molto il turismo, nell’ordine del 40%, dal 2015 ad oggi, anche grazie alla grande crescita del traffico sull’aeroporto di Orio al Serio”, aggiunge Gori.

“E devo dire che alcune importanti iniziative di restauro e abbellimento della nostra città si sono poi a loro volta giovate dell’altra anima, quella manifatturiera e del business, che le ha potute finanziare quasi integralmente”.

Ma c’è di più, c’è una terza anima bergamasca che sta emergendo in questi anni con grande forza: l’assistenza medica. “Un polo che ormai rappresenta un’eccellenza europea”, sottolinea il sindaco. Che conclude: “Abbiamo fatto tante cose, aperto tanti cantieri, il mio obiettivo è ora proseguire nel completamento di un programma che riteniamo possa portare ulteriori importanti benefici alla nostra città.

In questo senso siamo lieti, onorati che Panorama d’Italia abbia incluso Bergamo, dopo Firenze, tra le città in cui sostare”, ha concluso, ringraziato da Leone che ha rimarcato la collaborazione fattiva e l’accoglienza attenta che l’amministrazione comunale ha riservato al Tour.

© Riproduzione Riservata

Commenti