Chiara Raiola

-

La grande musica italiana travolge il Guggenheim di New York in un pomeriggio dedicato alla cultura e all’arte. Un evento molto atteso realizzato da Panorama in collaborazione con Salini-Impregilo per celebrare il maestro Arturo Toscanini nel 150° anniversario della sua nascita.

Agli strumenti l'eccellenza dei Cameristi della Scala di Milano che commuovono il pubblico sulle note del “Passo a sei” dal Guglielmo Tell di Gioacchino Rossini.

Il concerto è un crescendo di emozioni e di musica straordinaria grazie anche alla presenza del tenore Vittorio Grigolo, che il mondo ci invidia, considerato da tutti il nuovo Pavarotti.

È così la volta di "Contro un cor" da Il Barbiere di Siviglia, altro capolavoro di Rossini, e ancora brani da La Traviata e dal Rigoletto. Applausi, tanti, a scena aperta.

“È questa un’occasione speciale, siamo qui per celebrare il genio e il carisma di Toscanini" ha spiegato Massimo Ferrari, General Manager Corporate & Finance di Salini Impregilo introducendo il concerto.

Ed è un privilegio parteciparvi nel tempio della cultura e della conoscenza quale è il museo Guggenheim. “Le storie di Toscanini e del gruppo Salini-Impregilo si assomigliano - ha aggiunto Giorgio Mulè, direttore di Panorama - Gli Stati Uniti per l’azienda italiana sono diventati una seconda patria come accadde a Toscanini”. Un filo rosso che lega anche Grigolo che "a New York nel 2018 interpreterà la Tosca come fece Pavarotti 50 anni fa".

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti